Elenco di controllo SEO On Page di WordPress: 21 Guida passo passo per aumentare il traffico

Lista di controllo SEO onpage di WordPress

Perché WordPress on page Search Engine Optimization dovrebbe diventare una seconda natura

Aspetta per un momento l'ottimizzazione di WordPress per la SEO sulla pagina. Cominciamo da qualche altra parte:

Poco fa, siamo stati testimoni di un grande Scandalo SEO Rap Genius. TLDR; sono stati penalizzati per le loro pratiche di link building estremamente contenenti spam e di conseguenza il sito è stato eliminato completamente da Google.

Durante la notte, sono passati da 700,000 visite uniche al giorno a solo 100,000, secondo Quantcast. È un calo dell'85%. Se Rap Genius non avesse risolto quel problema alla fine, non sarebbero stati con noi oggi.

Ciò che significa fondamentalmente tutta questa storia è che non puoi ignorare l'ottimizzazione di WordPress sulla SEO della pagina come blogger o proprietario del sito. Perché se lo fai, hai già perso il gioco online.

Quindi, ecco la domanda:

Come ottimizzare il tuo sito WordPress per essere compatibile con i motori di ricerca? Cosa fai se vuoi aumentare organicamente il traffico del sito web?

Contenuti[Mostra]

Puoi iniziare con il seguente elenco di controllo seo a pagina. Questo è lo stesso processo che utilizziamo per il nostro sito web. Dividiamo questo tutorial seo a pagina in tre parti:

  • Regolazioni una tantum della configurazione del blog - fallo solo una volta, raccogli i frutti per i mesi a venire.
  • Plugin da avere - siamo onesti, hai bisogno di alcuni plugin per un buon WordPress ottimizzato sulla SEO della pagina. Non molto, però. In effetti, solo 3 andranno bene.
  • Cose da fare per ogni nuovo post - ripassa questa parte ogni volta che stai per premere il pulsante Pubblica per un post ottimizzato per SEO completamente sulla pagina.

Come sappiamo che queste tecniche funzionano? Allora dai un'occhiata al nostro traffico negli ultimi due anni?

crescita organica del traffico

Letture supplementari consigliate per i ragazzi di Joomla: 21 suggerimenti SEO di Joomla che ogni sito web dovrebbe abilitare 

Prima di iniziare, questi suggerimenti sono pensati principalmente per i siti WP self-hosted, al contrario dei siti su WordPress.com che hanno maggiori limitazioni su ciò che può essere fatto. Leggi questa differenza su questo CollectiveRay blog.

Se desideri vedere più tutorial, principalmente su WordPress, visita il menu Tutorial in alto.

Partendo dall'alto:

1. WordPress sulla pagina SEO: assicurati che le tue impostazioni di indicizzazione siano abilitate

La nostra prima e più importante parte di questo elenco di controllo per l'ottimizzazione dei motori di ricerca sulla pagina è assicurarsi che il tuo sito sia compatibile con Googlebot! 

Google indicizzerà il tuo sito solo se WordPress glielo consente. C'è un piccolo ambiente in Impostazioni> Lettura sezione del file wp-admin. Si chiama Visibilità sui motori di ricerca. Assicurati che la casella sia deselezionata:

Visibilità sui motori di ricerca di Wordpress

Se è abilitato, diciamo per scopi di sviluppo, dovrai assicurarti che sia stato disattivato per consentire al tuo sito di essere indicizzato dai motori di ricerca, altrimenti tutto il resto dei tuoi sforzi sarà inutile.

Il tuo sito dovrebbe anche avere un file robots.txt che consente ai crawler dei motori di ricerca di indicizzare il tuo sito. Controlla i tuoi domini robots.txt, che si trova su www.domain.com/robots.txt e assicurati che non ci sia qualcosa che disabiliti completamente la scansione da parte dei motori di ricerca.

Ad esempio, il codice seguente impedirebbe a tutti i motori di ricerca di accedere al tuo sito!

 

User-Agent: * Disallow: /

 

Se non sei sicuro di questo, in genere stai meglio senza nulla nel tuo file robots.txt.

Dopo aver verificato che funziona correttamente, dovrai controllare un'altra impostazione. Tutte le tue pagine che vuoi che i motori di ricerca vedano e indicizzino dovrebbero avere un tag "meta robots", che dice qualcosa come "index, follow". Se non è specificato alcun tag robots, significa implicitamente che la pagina è stata sottoposta a scansione.

Questa impostazione può essere modificata dai plugin SEO di cui parleremo più avanti in questo articolo. Se viene modificato in "noindex, nofollow", significa che Google e altri motori di ricerca salteranno completamente questa pagina o il sito.

Scarica l'elenco dei 101 trucchi per WordPress che ogni blogger dovrebbe conoscere

101 trucchi per WordPress

Fare clic qui per eseguire il download ora

2. Ottimizza gli URL per l'ottimizzazione dei motori di ricerca sulla pagina

I permalink rappresentano il modo in cui WordPress struttura ogni URL che fa parte del tuo sito.

Sfortunatamente, le impostazioni predefinite di WordPress non sono molto sulla pagina SEO-friendly. Un'installazione pulita di WP utilizza collegamenti in questo modo:

URL compatibili con i motori di ricerca di WordPress

Mentre tu vuoi che siano:

WordPress abilita gli URL compatibili con i motori di ricerca

Puoi impostarli in Impostazioni> Permalink. L'idea è che in una configurazione del genere, puoi includere parole chiave negli URL dei tuoi post, il che è molto importante per l'ottimizzazione dei motori di ricerca di WordPress sulla pagina.

 

3. Ottimizzazione sulla pagina utilizzando i titoli: controlla come il tuo tema gestisce i tag H1, H2

Ora stiamo effettivamente arrivando alla lista di controllo per l'ottimizzazione degli elementi effettivi sulla tua pagina, post o articolo.

Una parte molto importante delle tue tecniche di seo sulla pagina sono le intestazioni dei contenuti. I tag da H1 a H6 sono una parte fondamentale della struttura di ottimizzazione dei motori di ricerca sulla pagina.

Ormai da anni quelle intestazioni vengono utilizzate per notificare al lettore (e anche ai motori di ricerca) qual è la gerarchia delle informazioni sulla pagina, e per di più e less importante.

L'idea è semplice:

  • H1 - titolo principale, di primo livello - è l'argomento della pagina. È un po 'uno standard utilizzare solo un tag H1 su una singola pagina. Google ha anche consigliato di utilizzare H1 più di una volta in passato, quindi non inserire più tag H1
  • H2 - titolo secondario - è l'argomento di una sezione della pagina.
  • H3 - intestazione di terzo livello ... e così via.

L'uso di una parola chiave specifica in H1 e almeno un'altra intestazione di solito significa che la tua pagina è ottimizzata per quelle parole chiave.

È anche molto importante controllare come il tuo tema gestisce questi titoli. Fare così:

  1. Visita un determinato post.
  2. Visualizza l'origine premendo Ctrl + U (Windows) o ⌘-Opzione-U (Mac) nella maggior parte dei browser web.
  3. Premi Ctrl + F (o ⌘-F) per trovare tutte le istanze dei tag H1 e H2. Verifica se hanno senso e presentano una buona struttura del documento:

Intestazioni di visualizzazione seo onpage di Wordpress

Avere un H1 su ogni pagina

Ogni pagina del tuo sito web dovrebbe avere un'intestazione H1 che spiega sia agli umani che ai motori di ricerca di cosa tratta la tua pagina (comprese le parole chiave per le quali desideri classificarti). In generale, è meglio avere parole chiave "caricate in anticipo", cioè parole chiave che compaiono all'inizio di H1, ma assicurati che l'intestazione h1 abbia senso per gli esseri umani.

Ciò che intendiamo con questo è che non dovresti ottimizzare per i motori di ricerca al punto in cui il titolo non ha più senso per gli esseri umani.

Ad esempio, puoi vedere come abbiamo utilizzato le parole chiave "Elenco di controllo SEO per pagina di WordPress" nell'intestazione di questa pagina. Avremmo anche potuto usare "Come fare SEO On Page per WordPress". Di solito è meglio testare diverse combinazioni e vedere cosa funziona meglio in termini di classifiche. 

Utilizza un'altra intestazione con una variazione delle tue parole chiave

Per rendere chiaro ai motori di ricerca di cosa tratta la tua pagina, dovresti anche usare le tue parole chiave o una variazione della loro sequenza in almeno un'altra intestazione (che non è l'h1). Probabilmente non dovresti usarlo in OGNI intestazione, perché a quel punto la tua pagina diventa "eccessivamente ottimizzata".

Questo è il punto in cui ci sono TROPPE parole chiave nella pagina. 

In generale, anche se dovresti tenere a mente l'utilizzo delle parole chiave, assicurati solo che l'utilizzo di tali parole chiave sia naturale e fluisca con il resto del contenuto della pagina. 

4. Migliora la velocità del tuo sito

Quando esegui la tua lista di controllo seo sulla pagina, assicurati di aver controllato la velocità di caricamento del tuo sito web.

La velocità del sito è ancora un altro elemento che Google ha sottolineato come uno dei fattori di ranking. E non sono solo parole, ma è stato anche effettivamente provato sperimentalmente che la velocità del sito è fortemente correlata alla posizione del motore di ricerca. Tuttavia, alcuni ultimi rapporti dicono che non è così - ci sono opinioni contrastanti in questi giorni.

Ma c'è una cosa che è sicuramente influenzata da una buona velocità di caricamento della pagina: questa è l'esperienza dell'utente e le conversioni. Un sito web veloce è una buona esperienza utente e una buona esperienza utente si traduce in più conversioni.

Ciò che questo significa in parole povere è che dovresti fare tutto il necessario per caricare il tuo sito il più velocemente possibile. Anche mettendo da parte le classifiche dei motori di ricerca, una buona velocità del sito migliorerà l'esperienza complessiva che il tuo pubblico ha con il sito. Ci sono molti vantaggi on-page o siti WordPress che possono ottenere il loro tempo di caricamento per less di 2 secondi.

La velocità del sito è un fattore così importante, che la Google Search Console che abbiamo citato sopra ha effettivamente creato un nuovo strumento che indica specificamente le pagine "lente" sui dispositivi mobili.

rapporto sulla velocità di Google Search Console

Come rendere più veloce il tuo sito? Temo che non ci sia una soluzione di una frase per questo. Di seguito è riportata una 21 guida passo passo che abbiamo costruito nel corso di diversi anni. Parla di tutti i come e perché ed elenca una serie di ottimizzazioni che puoi eseguire per rendere più veloce il tuo sito web. 

Se vuoi un plug-in che può fare una differenza significativa per la velocità del tuo sito web, dai un'occhiata a WP Rocket. È il nostro plug-in consigliato per rendere il tuo sito Web incredibilmente veloce.

Non è gratuito, ma vale la pena investire! - Scaricalo da qui, installa e rendi il tuo sito più veloce in pochi minuti.

Letture consigliate: Come ottenere velocemente un sito Web WordPress - una guida completa [21 azioni]

Per saperne di più: Come sfruttare la cache del browser in WordPress con (o senza) un plugin (https://www.collectiveray.com/wp/tips/leverage-browser-caching-wordpress

Quello che diremo, tuttavia, è che il modo migliore per rendere il tuo sito più veloce è semplicemente passare a una piattaforma di hosting più veloce. A volte non riesci a compensare le carenze del tuo host web apportando modifiche SEO sulla pagina di WordPress. Ecco perché cambiare il tuo provider di hosting è spesso la soluzione più rapida e anche migliore.

Se stai cercando un ottimo servizio di hosting veloce, lo adoriamo In movimento hosting - ti consigliamo vivamente visita la nostra recensione qui.

Se non sai come trovare un host veloce, ti invitiamo a passare alla nostra sezione di recensioni di hosting web: è una classifica completa che si concentra principalmente sulle velocità del sito che puoi ottenere da vari provider di hosting.

L'elenco è aggiornato, quindi puoi visitarlo anche in futuro.

collectiveray tempo di caricamento

5. Plugin WordPress On Page SEO da avere

Passiamo al reparto plugin. Come ho detto all'inizio, lavorare al SEO on-page di WordPress senza plugin può portarti solo così lontano. Il fatto è che WP non è così SEO-friendly fin dall'inizio, il che lascia molto spazio ai plug-in per entrare e colmare le lacune.

SEOPress

Sebbene la maggior parte delle persone ti dirà che il miglior plugin per SEO è Yoast, invertiremo la tendenza con questo e suggeriremo alcune altre opzioni. La verità è che Yoast è buono e molto popolare, ma ciò non significa che sia il migliore.

Iniziamo con SEOPress: abbiamo esaminato questo strumento in dettaglio qui.

Questa è una delle opzioni di plug-in SEO on-page di WordPress in più rapida crescita, con circa 100,000 installazioni al momento della scrittura. 

Ti offre tutte le impostazioni di base di cui hai bisogno e ti consente anche di accedere ad alcune delle cose avanzate, se vuoi sperimentare. Osiamo dire che questo è l'unico strumento di SEO on-page di cui non puoi fare a meno.

Alcune delle cose che dovresti fare subito dopo averlo installato:

  • Modifica il titolo e la descrizione predefiniti della tua home page. Fallo dentro SEO> Titoli e metas> Home. Ti consigliamo di scegliere come target alcune parole chiave a coda lunga nel titolo della tua home page che includano anche una parola chiave più breve. In questo modo stai uccidendo due piccioni con una fava. Esempio: per questa pagina stiamo prendendo di mira "WordPress SEO sulla pagina", il che significa che stiamo prendendo di mira anche "WordPress SEO" e "SEO sulla pagina"

Titoli e Metas

  • Fai lo stesso per il tuo Tipi di post singolo e Tassonomie (disponibile come schede in SEO> Titoli e metas).
  • Genera una mappa del sito. Vai a SEO> Sitemap XML / HTML:

Sitemap XML e HTML

  • Prevenire i contenuti duplicati non indicizzando le pagine degli archivi. Vai a SEO> Titoli e metas> Archivi:

archivi noindex

Puoi anche optare per la versione PRO dei plugin al prezzo ridicolmente basso di $ 39 all'anno, per ottenere cose come il markup dei dati strutturati, uno strumento di reindirizzamento e il controllo dei collegamenti interrotti, l'integrazione e l'ottimizzazione di WooCommerce, le mappe dei siti XML dei video e molte altre funzionalità .

Il framework SEO

Come qualcuno che è stato nel settore per un po ', siamo sempre alla ricerca della prossima grande novità e pensiamo di aver trovato un forte concorrente per il titolo di miglior plug-in per l'ottimizzazione dei motori di ricerca sulla pagina.

È chiamato Il framework SEO e recentemente ha raccolto molta trazione. 

Non solo è diventato popolare, ma ha ricevuto 4.9 stelle da quasi 160 voti al momento della scrittura. E non lo diciamo solo attraverso l'esperienza di terze parti. Abbiamo effettivamente utilizzato noi stessi il plug-in e lo abbiamo trovato estremamente utile, in alcuni aspetti superiore alle nostre aspettative in termini di suggerimenti che fornisce agli utenti che scrivono per assicurarsi che il loro contenuto sia completamente ottimizzato per i motori di ricerca (e gli utenti !)

Ad esempio, l'estensione Focus ti consente di trovare sinonimi delle tue parole chiave target, in modo tale da scrivere contenuti che sia Google che i tuoi utenti adoreranno, senza superare la densità di parole chiave consigliata e anche scrivendo in modo naturale.

Il framework SEO

Come trovi le parole chiave giuste per il targeting?

Puoi farlo per tentativi ed errori. Richiede tempo. È frustrante. Puoi vincere un jackpot. Oppure no. Il modo giusto per trovare buone parole chiave con poca concorrenza è usare Long Tail Pro.

 

6. Aggiungi dati strutturati (comprese le domande frequenti, ove necessario)

Quindi la più grande "sfida" che Google ha, in generale, è capire il contenuto, di cosa si tratta, chi sono le entità (autori, organizzazioni) dietro di esso e come queste entità sono correlate.

Google è composto da centinaia di algoritmi che cercano di dare un senso alla natura complessa del Web. E se potessi effettivamente rendere più facile per Google comprendere i tuoi dati?

Questo è lo scopo dei "Dati strutturati". È un modo per contrassegnare i tuoi contenuti per renderli più comprensibili a Google e ad altri motori di ricerca. Puoi creare markup come:

  • Organizations
  • Autori
  • Prodotti
  • Recensioni critiche
  • Ricette
  • Film
  • Eventi
  • Attività locale
  • Portata
  • Video
  • Job Posting
  • DOMANDE FREQUENTI
  • Tutorial
  • Verifica dei fatti 
  • ... E molto altro ancora

Quando utilizzi tali dati strutturati sul tuo sito web, Google può mostrare il tuo sito web in formato risultati ricchi, che essenzialmente mostrano informazioni più dettagliate nelle pagine dei risultati del motore.

Ad esempio, i prodotti hanno questo aspetto:

risultati ricchi di prodotto

mentre le recensioni della critica assomigliano a questo:

critici rivedere i risultati ricchi

Le domande frequenti, d'altra parte, occupano molto spazio nei risultati di ricerca effettivi perché appaiono proprio sotto la tua scheda, come puoi vedere di seguito:

faq risultati multimediali

Come puoi vedere la maggior parte dei dati strutturati, non solo aiuta Google a comprendere meglio i tuoi contenuti, ma ti offre anche risultati migliori o più ricchi nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca. Quando competi per ogni clic, vorrai sfruttare tutti i vantaggi che puoi ottenere.

Se desideri che un plug-in ti aiuti in questo, ti suggeriamo di optare per SEOPress come abbiamo suggerito sopra. 

Suggerimento bonus:

Dopo aver pensato all'ottimizzazione dei motori di ricerca (o forse anche prima), dovrai concentrarti sulla conversione dei visitatori esistenti. Abbiamo trovato il miglior plug-in popup di WordPress per aiutarti a creare la tua lista di posta elettronica e migliorare i tassi di conversione. Perché ovviamente, dopo aver aumentato il tuo traffico organico, devi disporre di metodi di conversione eccellenti.

La tua lista e-mail ti aiuta anche a creare un pubblico coinvolto che abbia familiarità con te e il tuo marchio. Puoi creare un livello di fiducia che è totalmente sotto il tuo controllo.

La parte successiva del nostro post riguarda: cose da fare per ogni nuovo post come parte della lista di controllo per l'ottimizzazione della pagina di WordPress.

Ok, ora passiamo alla parte finale: le cose che vale la pena fare con ogni nuovo post per renderlo adatto ai motori di ricerca. Queste sono cose che dovrebbero essere fatte regolarmente su ciascuno dei tuoi post. Dovresti seguire questo elenco di controllo ripetutamente per ogni post fino a quando queste attività di ottimizzazione sulla pagina non diventano una seconda natura per te.

7. Utilizza le parole chiave in due titoli per migliorare il targeting per parole chiave

I titoli doppi sono un concetto davvero intelligente. Fondamentalmente, l'idea è di rendere i tuoi titoli ottimizzati per i motori di ricerca e per gli esseri umani entrambi allo stesso tempo.

Devi costruire il tuo titolo da due parti:

  1. la parte ottimizzata per il motore di ricerca ricca di parole chiave e 
  2. una svolta.

Esempi:

  • Come creare una pagina "Assumimi" killer,
  • Invece di un "assumimi" che spinge via le persone

 e

  • 10 "Idee per post sul blog" così grandi che ti faranno venire voglia di schiaffeggiare tua mamma!
  • Queste sono "idee per post sul blog" che le persone saranno orgogliose di condividere

Questo dà il giusto tono, sia per gli utenti che per i motori di ricerca. Il bello è che puoi utilizzare le tue parole chiave primarie e secondarie nei titoli.

Questo è un passaggio davvero importante nella tua checklist SEO in-page.

8. Creare un titolo diverso da H1

Sia il titolo che la meta descrizione dovrebbero essere focalizzati sull'ottenere clic

Questo è un must per ogni nuovo post. Gratta questo, questo è qualcosa che dovresti rivedere spesso per ogni post che è importante per te. Non essere pigro con questo e dagli molta attenzione.

Mentre WordPress compilerà i campi del meta titolo e della descrizione per te, quei testi generati automaticamente non sono sempre i migliori, sia dal punto di vista dell'ottimizzazione delle parole chiave che dal punto di vista del copywriting.

In realtà, dovrai concentrarti sulla creazione di un titolo e di una descrizione che invogliano i tuoi utenti a leggere il tuo articolo. Oltre a utilizzare cose come parole chiave potenti, ti consigliamo di concentrarti sull'avere cose come le seguenti sia nel titolo che nella descrizione:

  • Parole potenti (boost, aumento, potenza, sempre, jumpstart, mai)
  • Un potente sentimento o emozione
  • Un numero (preferibilmente dispari, 7 modi, 21 cose, 19 fatti)
  • Parentesi utente come () e [] (ad es. [Guida all'acquisto])
  • L'anno (corrente o successivo, e anche il mese, puoi usare cose come %% currentyear %% se il tuo plugin SEO lo supporta)
  • Cliff-hanger ... Non crederai a cosa è successo dopo (non spam come questo ma hai capito, cose come "Scopri")

È possibile utilizzare un ottimizzatore di titoli per aiutarti a rendere il titolo il più potente possibile.

Puoi usare un concetto simile nella meta descrizione. La creazione di un cliff-hanger nel meta aiuterà ad aumentare il CTR (percentuale di clic) e ad aumentare le classifiche.

Inoltre, crea sempre un titolo leggermente diverso da H1 - non mantenerli esattamente uguali. Se necessario, riformula il titolo. Il tag Title è più importante del tag H1 perché le SERP mostreranno il titolo non l'H1.

Se hai SEOPress o un altro plugin installato, ottieni una bella casella sotto la schermata di modifica principale per occuparti di questo:

scrivere titoli per migliori ctr 

Usa la tua parola chiave principale per il titolo del post e anche alcune parole chiave correlate nella descrizione.

9. Includere una parola chiave nel primo paragrafo

Il primo paragrafo è la parte più importante del contenuto del post dal punto di vista dell'ottimizzazione dei motori di ricerca. Devi semplicemente far sapere a Google e ai tuoi visitatori di cosa tratta il tuo post. Preferibilmente anche nella prima frase, ma sicuramente nelle prime 100 parole.

Ciò potrebbe richiedere un po 'di brainstorming per far sembrare le cose giuste, ma dovresti sempre fare uno sforzo per includere la tua parola chiave principale nel primo paragrafo.

Scorri fino all'inizio di questo post per vedere come abbiamo incluso le nostre parole chiave principali nella prima frase, letteralmente il prime parole dell'articolo.

10. La densità delle parole chiave è importante

È semplice, se vuoi classificare una determinata parola chiave, devi menzionare quella parola chiave alcuni numero di volte nel corpo del post. 

Il team dietro Yoast consiglia qualsiasi cosa dalla densità dello 0.5-2.5%, ma in realtà si tratta di vecchie raccomandazioni. Un approccio migliore sarebbe quello di utilizzare una densità di parole chiave che sia in linea con le pagine più importanti per quella parola chiave.

Quindi, se i primi 10 risultati di ricerca lo stanno usando less per lo 0.5% delle volte, allora questa è la tua linea guida. Se lo usano il 3% delle volte, dovresti usarlo anche il 3% delle volte.

SEOPress e altri plugin di solito hanno un analizzatore seo sulla pagina che ti consente di conoscere il tuo attuale punteggio di densità delle parole chiave e altre ottimizzazioni che dovresti eseguire.

densità di parole chiave nei suggerimenti di pagina

Nell'ambito dell'ottimizzazione del tuo motore di ricerca sulla pagina, cerca di non ottimizzare eccessivamente o di utilizzare parole chiave in modo che non siano una buona lettura. Il che ci porta al punto successivo della nostra lista di controllo sulla pagina.

Le parole chiave correlate possono essere importanti quanto la parola chiave principale per il post. In realtà, questo fa parte della scrittura "naturale". Se stai scrivendo su un argomento specifico, parlerai anche di parole chiave e argomenti che sono strettamente correlati all'argomento che stai discutendo. 

Fondamentalmente, Google vuole vedere una serie di parole e frasi accanto alla tua parola chiave principale se ti aspetti che siano convinti che il tuo post sia davvero sull'argomento.

Se non sei sicuro di quali parole chiave utilizzare, puoi trovare parole chiave correlate tramite i suggerimenti di Google nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca standard:

Wordpress SEO utilizza parole chiave correlate

Rand Fishkin (il ragazzo dietro Moz) ha detto in uno dei suoi venerdì di Whiteboard e la maggior parte delle persone che eseguono audit del sito SEO affermano che l'ottimizzazione più comune che trovano è attraverso il miglioramento della struttura dei collegamenti interni.

È semplicemente qualcosa che tendiamo a trascurare perché implica tornare ai vecchi post e aggiornarli per puntare ai nostri nuovi post.

Quanto segue dovrebbe far parte del tuo processo di pubblicazione per i nuovi blog:

Per ogni nuovo post su cui stai lavorando, trova almeno 3 post correlati esistenti sul tuo blog, quindi collegali ad essi dall'interno del corpo di quel nuovo post. Dovresti anche fare il contrario, cioè aggiornare un certo numero di vecchi post per collegarli al nuovo post.

Probabilmente hai anche notato come in questo post ci siamo collegati a più post supplementari. Questo è qualcosa che aiuta sia le classifiche del traffico organico che i nostri visitatori perché se hanno bisogno di maggiori informazioni su qualcosa di cui stiamo discutendo, possono anche visitare quell'articolo.

Ancora più importante, guarda quale dei tuoi post ottiene il traffico più organico e collega ad altre pagine che desideri classificare, da quei post. Questo perché le pagine che ricevono il traffico più organico hanno molta "forza" da poter passare alle altre pagine. Questo è davvero un ottimo trucco seo sulla pagina.

Alcune persone chiamano questo, link sculpting.

Se disponi di uno strumento di verifica dei backlink, di solito utilizzerai sia il traffico organico che il numero di link a una determinata pagina per determinarne la forza.

13. Utilizzare alt testo per immagini

Sì, dovresti usare le immagini nel contenuto del tuo blog. I post con immagini ottengono più clic.

Le immagini migliorano anche la leggibilità di un post, assicurando un tempo di permanenza più lungo (tempo trascorso sulla pagina) e una frequenza di rimbalzo inferiore (persone che lasciano la pagina e vanno a un altro risultato).

Ma il problema con le immagini è che Google non ha idea di cosa ci sia sopra finché non trovi un modo per dirglielo direttamente. Quindi, alt testo.


In WordPress, puoi impostare alt testo molto facilmente per ogni immagine che hai sul blog:

Usa i tag alt per le immagini

Una buona pratica è usare una breve descrizione di 2-5 parole di ciò che è nell'immagine, oltre a includere una parola chiave ogni volta che ha senso. Al nostro passaggio finale nella lista di controllo seo in-page ...

 

14. Aggiungi un video al tuo post

Questo è interessante e la maggior parte delle persone non lo menziona.

Ora potresti essere a conoscenza, ma Google utilizza il tempo di permanenza o il tempo trascorso su una pagina specifica per capire se è utile per un utente o meno. Le pagine che hanno un tempo di permanenza più lungo tendono a classificarsi meglio.

Quindi, oltre a rendere utile il tuo post, cosa puoi fare per aumentare il tempo di permanenza?

Una semplice soluzione è aggiungere un video, magari incorporando qualcosa da YouTube al tuo post. Aggiungendo un breve video (circa 2 minuti) e suggerendo ai tuoi utenti di guardare il video, aumenti rapidamente il tempo di permanenza dei visitatori della tua pagina.

Ovviamente, devi assicurarti che il video sia correlato al post (e non da un concorrente) perché questo sarebbe controproducente. Anche altri metodi per aumentare il tempo di permanenza potrebbero avere senso, purché mantengano il contenuto utile.

Questa è un'altra tecnica che è stata dimostrata più e più volte in vari studi per avere effetti positivi sul posizionamento delle pagine.

Questo è estremamente semplice da implementare. Devi solo assicurarti che il tuo articolo sia collegato (utilizzando i collegamenti dofollow) a pagine di siti diversi dal tuo che hanno creato contenuti eccellenti correlati all'argomento del tuo post.

A cosa servono due cose:

  1. Migliora l'esperienza dell'utente perché possono trovare altri contenuti utili per risolvere le loro esigenze
  2. Metti il ​​tuo sito in un "cluster" di siti correlati

Il secondo punto significa essenzialmente che collegandosi a buoni siti, ti stai associando ai migliori siti in circolazione. Il tuo sito si mescola con la "folla" per così dire e questo invia buoni segnali anche al tuo articolo e al tuo sito.

16. Iscriviti a Google Search Console (GSC)

Precedentemente noto come Strumenti per i Webmaster di Google, Google Search Console (o GSC è noto) è un ottimo strumento che ti fornisce varie informazioni sulle condizioni del tuo sito, lo stato di indicizzazione, eventuali problemi rilevati e un sacco di altre informazioni utili.

Elencare tutto qui richiederebbe un post a sé stante. Basti dire che è uno dei tuoi strumenti più importanti per WordPress sull'ottimizzazione della pagina. Non solo, è anche completamente gratuito.

Iscrizione è anche abbastanza facile. Google ti accompagna passo dopo passo attraverso l'intero processo.

Ti consigliamo vivamente di dedicare un po 'di tempo a guardare cosa è disponibile. Ad esempio, puoi utilizzare il rapporto sulla copertura per capire se c'è un problema con il modo in cui Googlebot esegue la scansione del tuo sito.

copertura della console di ricerca Google

Oppure puoi utilizzare il rapporto sul rendimento per capire quali pagine ti stanno portando la maggior parte del traffico organico e quali query ... e quali no. Questo può aiutarti a migliorare la tua SEO in pagina creando più e migliori contenuti per le query per le quali non ti stai posizionando abbastanza bene.

(Su una nota personale, GSC è stato lo strumento che mi ha notificato che il mio sito è stato violato qualche tempo fa. Se non fosse stato per loro, probabilmente non lo avremmo scoperto così rapidamente - ovviamente, se vuoi impedire il tuo Il sito Web di WordPress viene violato: abbiamo tutti i passaggi che devi eseguire.)

Letture consigliate: Sicurezza di WordPress: la lista di controllo essenziale per prevenire l'hacking di WordPress [17 azioni]

17. Iscriviti a Bing Webmaster Tools (BWT)

Questa è una soluzione alternativa a GSC. Ma puoi lavorare con entrambi, GSC e BWT allo stesso tempo, se lo desideri.

Dopotutto, se lo fai, hai accesso a dati e strumenti aggiuntivi, questa volta, provenienti dal team Bing. Nessun inconveniente.

Vai qui per saperne di più e iniziare.

strumenti di diagnostica degli strumenti per i webmaster di bing

L'analizzatore SEO di Bing Webmaster Tools è uno strumento ingegnoso che guarda la tua pagina e fornisce consigli che potresti aver perso. È perfetto per coloro che vogliono assicurarsi che il loro WordPress sulla pagina sia perfetto, ma non sono disposti a sborsare per alcuno strumento SEO premium.

analizzatore SEO

Qual è il prossimo passo nella nostra lista di controllo per l'ottimizzazione dei motori di ricerca sulla pagina? Analisi del traffico, perché vorrai sapere esattamente da dove proviene il tuo traffico.

18. Utilizza uno strumento di analisi del traffico

Se hai intenzione di fare qualcosa con il tuo sito web, devi monitorare regolarmente il tuo traffico. In quale altro modo saprai se i tuoi sforzi stanno portando dei risultati o no?

Ora, ci sono due soluzioni popolari che mi piacciono:

  • Google Analytics: lo strumento di monitoraggio del traffico più popolare in circolazione. Inoltre si integra perfettamente con GSC e puoi utilizzarlo per determinare la crescita organica del traffico in generale, eventuali picchi o cali e il traffico complessivo del sito web. Puoi anche integrare il monitoraggio dell'e-commerce in modo tale da essere in grado di quanti soldi sta portando il tuo traffico organico (rispetto ad altre fonti di traffico)
  • Clicky - Questa mi piace ancora di più, in realtà. L'interfaccia mi sembra più chiara e non è così intimidatoria.

L'integrazione di WordPress per entrambi questi servizi è molto semplice. Entrambi gli strumenti ti danno un pezzo di codice Javascript da inserire nell'intestazione o nel piè di pagina del tuo sito e il gioco è fatto.

Sai come la maggior parte dei tuoi utenti accede al tuo sito in questi giorni, da quando gli smartphone sono diventati onnipresenti? Tramite ricerche su Google o visite dirette dal proprio smartphone!

Ecco perché la nostra lista di controllo per l'ottimizzazione in pagina continua con un sito reattivo.

19. Assicurati che il tuo sito sia reattivo e ottimizzato per i dispositivi mobili

Lasciatemelo dire in questo modo, nel 2015 L'80% degli utenti di Internet possiede uno smartphone. E ciò che è ancora più interessante, il cellulare tende ad essere il modo preferito di accedere al Web per molti di loro. Anche se non è il modo più preferito, scoprirai comunque che una parte significativa del tuo traffico proverrà da dispositivi portatili.

Quindi il tuo sito web deve soddisfare questo pubblico.

Pertanto, se il tuo sito non è ancora ottimizzato per i dispositivi mobili, stai lasciando molte opportunità sul tavolo e alienando la maggior parte del tuo pubblico in questi giorni.

Non solo, ma Google ha effettivamente annunciato che ora sta favorendo i siti ottimizzati per dispositivi mobili rispetto a quelli che non lo sono.

Non solo, ma i bot di Google stanno effettivamente eseguendo la scansione della versione mobile del tuo sito, piuttosto che della versione desktop. Quindi se ci sono cose sulla tua versione desktop, che non appaiono sulla versione mobile, Google non lo saprà nemmeno!

smartphone googlebot

Quindi che si fa?

Innanzitutto, controlla quanto è effettivamente ottimizzato per i dispositivi mobili il tuo sito Lo strumento dedicato di Google.

la tua pagina web è ottimizzata per i dispositivi mobili

Se ottieni risultati negativi, puoi farlo anche tu 

  1. regola il codice del tema del tuo sito web per renderlo ottimizzato per i dispositivi mobili (assumere qualcuno per questo compito), e quindi adatto ai motori di ricerca
  2. cambia completamente il tuo tema in un tema completamente reattivo: questa è l'opzione suggerita. È bene notare che temi come Divi e Avada sono già completamente ottimizzati per l'accesso mobile. Check-out CollectiveRay's recensione di Divi e Tema WordPress Avada
  3. aiutati con un certo plugin (ne riparleremo tra un minuto).

 

Infine, puoi scegliere di creare un sito Web ottimizzato per i dispositivi mobili utilizzando WP Touch:

WP touch è un plugin per WordPress che aggiunge istantaneamente un tema ottimizzato per i dispositivi mobili al tuo sito Web per gli utenti mobili. Cioè, mostra ancora il tuo tema attuale ai tuoi visitatori desktop e mostra un sito web ottimizzato per i dispositivi mobili solo per i tuoi visitatori mobili.

La cosa migliore di questo plugin è che è progettato per essere il più leggero possibile, quindi anche se il tuo sito attuale fa un uso massiccio di una varietà di file Javascript, CSS e immagine, il che può aumentare il tempo di caricamento e consumare molto mobile dati, questo plug-in dovrebbe ridurre il tempo di caricamento grazie al suo approccio semplificato alla fornitura di contenuti ottimizzati ai visitatori mobili.

Vantaggi:

  • Soluzione istantanea per ottimizzare il tuo sito web per le visite da mobile. Supera il test di Google Mobile e garantisce che le tue classifiche non scendano (e stai soddisfacendo le aspettative dei tuoi utenti mobili)
  • Riduci notevolmente il tempo di caricamento, in modo da non far impazzire i tuoi visitatori per quanto riguarda il consumo di dati.

CONTRO:

  • Se utilizzi molti inviti all'azione sul tuo sito, potresti perderli sui dispositivi mobili.
  • È necessaria una configurazione aggiuntiva se si utilizza un plug-in della cache come WP Super Cache o WP Rocket.

  

20. Utilizzare Sumo per ottenere traffico ripetuto

La condivisione sui social è un must per i tuoi sforzi di SEO on-page. 

Sumo è soprattutto un plugin / strumento per social media. Ma le metriche dei social media sono in realtà un fattore importante per Google, come segnalato da Moz. Il motivo è che il traffico verso una pagina è un vero segnale di ranking. Quindi più traffico ottieni tramite fonti non organiche, migliore è il tuo traffico organico!

Plugin consigliato per aumentare i Mi piace di Facebook sulla tua pagina fan di Facebook: Plugin Mi piace di DC WordPress Facebook

Di gran lunga, il modo migliore per aumentare la tua prova sociale è semplicemente visualizzare alcuni bei pulsanti di condivisione accanto a ogni post / pagina del tuo sito. Sumo è uno strumento fantastico e gratuito per farlo.

Condivisione sociale di WordPress per SEO con Sumo

 

E anche se non stai usando Sumo, devi capire come attirare traffico dai social network, elenchi di e-mail o da qualsiasi altra parte.

21. Avvia le tue condivisioni sui social

Si ritiene che il numero di condivisioni social ricevute dai tuoi contenuti sia un importante fattore di ranking. Come accennato in precedenza, i principali professionisti SEO continuano a farlo notare.

Come abbiamo detto più avanti nell'articolo, il traffico verso una pagina (anche se non proviene da elenchi organici) invierà un segnale di posizionamento positivo. In effetti, i post che diventano virali tendono a salire in classifica in pochissimo tempo. 

Un test fatto da ahrefs, è riuscito a classificare un post al 1 ° posto di Google in un giorno perché il post è diventato immediatamente virale. I social media e altro traffico esterno hanno molto valore!

Impila queste probabilità a tuo favore condividendo i tuoi contenuti sui tuoi profili social subito dopo la pubblicazione. Ogni azione conta. Non dovresti sentirti strano nel promuovere le tue cose. E se hai creato un ottimo post, contatta le persone che hanno condiviso contenuti simili e fagli sapere che hai pubblicato quel contenuto.

DOMANDE FREQUENTI

Cos'è il SEO on page e off page?

Sulla pagina SEO è il processo che abbiamo descritto sopra in cui si apportano alcune modifiche al proprio articolo e al proprio sito in modo che sia più facile per i motori di ricerca capire di cosa tratta l'articolo ed essere in grado di classificarlo meglio. Off page SEO è tutto ciò che viene fatto che non viene fatto sul tuo sito reale. Il SEO off page più comune sta lavorando per ottenere link al tuo sito e articoli attraverso varie strategie di link building.

Come si fa passo passo la SEO sulla pagina?

Esegui il SEO sulla pagina passo dopo passo seguendo alla lettera ciascuno dei consigli di cui sopra. Le parti più importanti della SEO sulla pagina sono il tag del titolo, H1 e l'URL dell'articolo contenente le parole chiave per le quali desideri classificarti.

Perché l'ottimizzazione della pagina è importante?

L'ottimizzazione della pagina è importante perché i motori di ricerca sono algoritmi che hanno bisogno di comprendere il contenuto per potergli dare un buon posizionamento. Per comprendere la rilevanza del contenuto deve soddisfare determinati criteri. L'ottimizzazione della pagina garantisce che il tuo sito soddisfi il maggior numero possibile di questi criteri in modo da ottenere risultati migliori nelle classifiche organiche.

Avvolgere Up

Allora ... stai lavorando all'ottimizzazione del motore di ricerca in-page del tuo sito?

Stai lavorando in modo proattivo per migliorare il tuo SEO on-page di WordPress? O forse semplicemente "non hai tempo"?

Anche se pensi che questi potrebbero non avere molto effetto, farlo in modo iterativo per ogni post che hai pubblicato e tutti i nuovi post avranno un effetto drammatico nel tempo.

Cosa resta per la checklist SEO di WordPress?

Dopo aver eseguito tutta l'ottimizzazione del motore di ricerca sulla pagina di WordPress, c'è ancora una cosa da fare. Questa è l'ottimizzazione fuori pagina.

Se dovessimo semplicemente rispondere alla domanda che cosa è seo in pagina o fuori pagina, la risposta è abbastanza semplice. Le modifiche apportate sul tuo sito web effettivo (cioè tutto quanto sopra, è sulla pagina). Fuori pagina sono tutti i tuoi sforzi di creazione di link verso il contenuto che stai scrivendo. Ma questo è un altro argomento per un'altra volta :)

Trovare le parole chiave giuste per il targeting:

È sempre difficile trovare le parole chiave giuste da scegliere come target. O sono molto molto competitivi. Oppure non hanno traffico. Come trovi la giusta via di mezzo? Possiamo dirti come troviamo il nostro buone parole chiave a coda lunga. Ci ha fatto risparmiare un sacco di tempo. E ci aiuta a portare molto traffico eccezionale.

Quali passaggi abbiamo perso nella nostra checklist SEO? Fateci sapere nei commenti qui sotto.

Scarica l'elenco dei 101 trucchi per WordPress che ogni blogger dovrebbe conoscere

101 trucchi per WordPress

Fare clic qui per eseguire il download ora
L'autore
David Attard
Autore: David AttardSito web: https://www.linkedin.com/in/dattard/
David ha lavorato nel o intorno al settore online / digitale negli ultimi 18 anni. Ha una vasta esperienza nei settori del software e del web design utilizzando WordPress, Joomla e le nicchie che li circondano. In qualità di consulente digitale, il suo obiettivo è aiutare le aziende a ottenere un vantaggio competitivo utilizzando una combinazione del loro sito Web e delle piattaforme digitali disponibili oggi.

Un'altra cosa... Sapevi che anche le persone che condividono cose utili come questo post sembrano FANTASTICHE? ;-)
Fatti un favore: lasciare un utile commenta con i tuoi pensieri, quindi condividi questo articolo sui tuoi gruppi di Facebook che lo troverebbero utile e raccogliamo insieme i frutti. Grazie per la condivisione e per essere gentile!

Disclosure: Questa pagina può contenere collegamenti a siti esterni per prodotti che amiamo e consigliamo vivamente. Se acquisti prodotti che ti suggeriamo, potremmo guadagnare una commissione per segnalazione. Tali commissioni non influenzano le nostre raccomandazioni e non accettiamo pagamenti per recensioni positive.

Autore / i in primo piano su:  Inc Magazine Logo   Logo di Sitepoint   Logo CSS Tricks    logo webdesignerdepot   Logo WPMU DEV   e molti altri ...