101 Suggerimenti, trucchi e hack per WordPress che ogni blogger serio deve conoscere

101 suggerimenti, trucchi e hack per WordPress

Vogliamo tutti ottenere il massimo da ogni sito web che gestiamo e WordPress non fa eccezione. Quando abbiamo avviato questo sito per la prima volta, c'erano molte cose che non riuscivamo a capire e dovevamo andare da soli.

Gli autori di questo sito web vogliono essere sicuri che tu avvii subito il tuo processo di apprendimento e ottieni il massimo da WordPress in questo momento! Con WordPress è il CMS di scelta per il 30% di TUTTI i siti Web su Internet, il 40% dei primi 10 siti e il 50% dei siti Web che utilizzano un CMS è il CMS di scelta, siamo sicuri di parlare per molte persone quando diciamo che questi suggerimenti per WordPress ti aiuteranno a spingere il blog di WordPress al suo pieno potenziale! 

La cosa grandiosa di WordPress è che la sua popolarità ha portato a un gran numero di suggerimenti e tutorial disponibili che possono mostrarti come fare molte cose, piccoli trucchi WordPress che spingono il tuo sito web al suo massimo potenziale. 

WordPress è maturato in modo significativo nel corso degli anni, da un umile blog a un CMS così flessibile che oggi ti permette di creare qualsiasi tipo di sito web. Da un blog personale a un sito di e-commerce a un social network di nicchia, puoi contare su WordPress e su tutti i tipi di temi WordPress per consentirti di creare un ottimo sito web. Temi degni di nota, inclusi gli articoli più venduti, Divi e Avada, che abbiamo esaminato e recensito completamente in post separati qui e qui. Abbiamo un elenco completo di temi e raccolte che abbiamo esaminato e rivisto in dettaglio in una sezione specifica a questo scopo nel menu sopra: WordPress> Temi.

E con la crescita arriva la necessità di trucchi o "hack" di WordPress: piccoli cambiamenti nel codice di WordPress per ottimizzare le prestazioni e la visualizzazione di WordPress.

Tuttavia, la maggior parte degli utenti non sono sviluppatori e non hanno molta esperienza con il codice. Pertanto, molte persone non sono in grado di utilizzare i trucchi di WordPress per modificare e ottimizzare i loro siti per aggiungere più funzionalità.

In questo articolo ti mostreremo come eseguire alcuni fantastici suggerimenti su WordPress senza assumere uno sviluppatore: questi sono alcuni semplici trucchi WordPress (o piccole modifiche / modifiche nel codice WordPress) che ti consentono di ottenere di più, molto di più dal tuo sito Web WordPress installazione.

Perché chiamiamo questi trucchi o hack? Wikipedia definisce un hack di programmazione come "una soluzione poco elegante ma efficace a un problema informatico". Quindi, poiché stiamo modificando i file WP, chiamiamo questi cambiamenti hack, essenzialmente sono solo suggerimenti e trucchi per WordPress che dovresti usare per rendere la tua esperienza WP complessiva più sana senza dover passare attraverso un'enorme quantità di tutorial.

Osservazioni:: Questo articolo presuppone che tu sappia che alcuni codici HTML / CSS di base. Se non sei pronto a fare nessuno di questi cambiamenti da solo, perché non provi e assumere uno sviluppatore WordPress dal 3% più ricco di talenti da Toptal? In questo modo avrai tutti i vantaggi senza il fastidio della codifica coinvolta.

Scoprirai che molti di questi suggerimenti comportano modifiche a uno dei file modello, ad esempio functions.phpsingle.phpintestazioni o un altro file. Assicurati di eseguire il backup dei file prima di apportare modifiche a uno di questi file perché gli errori potrebbero danneggiare il tuo sito e dovrai ripristinare una versione funzionante del file.

Contenuti[Mostra]

Aggiungi nuove funzionalità al tuo sito WP utilizzando i seguenti trucchi, suggerimenti e modifiche. Se desideri ottenere più di questi, abbiamo un intero elenco qui sotto WordPress> Suggerimenti e trucchi.

1. Comprimi le immagini per tempi di caricamento più rapidi

Le immagini sono uno dei componenti più pesanti di una pagina web e se non le ottimizzi, stai danneggiando sia le prestazioni del tuo sito che il tuo SEO.

Oltre al fatto che i siti web lenti creano un'esperienza utente negativa.

Per ottimizzare le tue immagini, uno dei modi più efficaci è comprimerle. Puoi anche renderli più piccoli utilizzando formati specifici rimuovendo anche i dati EXIF.

Ci sono molti strumenti per comprimere le tue immagini senza perdere qualità (o nel peggiore dei casi, una perdita minima che non si nota nemmeno).

Puoi utilizzare i servizi in linea oppure utilizzare programmi specifici che dovrai installare sulla tua macchina.

Ad esempio, puoi utilizzare uno dei seguenti programmi:

  1. Adobe Photoshop (a pagamento)
  2. GIMP (gratuito)

Entrambi questi programmi hanno un'opzione per salvare la tua immagine per il web o impostazioni che renderanno le immagini ottimizzate per il web in modo che abbiano una dimensione più piccola e quindi si caricheranno più velocemente.

Puoi anche eseguire una compressione delle immagini simile utilizzando strumenti online come:

  1. TinyPNG
  2. JPEGMini
  3. Optimole
  4. EWWW Image Optimizer

Si tratta di un plug-in di WordPress o di un servizio online che puoi utilizzare per comprimere le tue immagini prima o mentre le carichi su WordPress.

Mentre alcuni potrebbero discutere sulle varie funzionalità di ciascuno di questi servizi o programmi, è sempre meglio avere in qualsiasi strumento di compressione delle immagini o plug-in piuttosto che niente.

Entriamo nel merito di come scegliere il miglior plug-in di compressione delle immagini per WordPress o come utilizzare Photoshop / GIMP per ottimizzare le tue immagini per il web poiché sono state scritte innumerevoli volte.

Quello che è importante sapere qui è che tu devi obbligatoriamente ottimizza le tue immagini per migliorare le prestazioni del tuo sito e la SEO.

Per inciso, se stai cercando maggiori dettagli, potresti voler guardare questo post di WPBuffs: Ottimizza le immagini al 300% in WordPress con questi 17 strumenti e plug-in gratuiti

Nel passato, i permalink di WordPress, per impostazione predefinita, utilizzavano le impostazioni dei permalink "semplici" che sembravano www.esempio.com/?p=123.

Questo è stato un male sia per la SEO che per l'UX.

Per fortuna, se stai installando WordPress oggi, ora imposta di default le sue impostazioni di permalink sull'opzione "giorno e nome" che assomiglia www.example.com/2020/01/01/post-campione.

Questo è molto meglio. Ma ecco il problema: la data è inclusa nel tuo permalink.

Ciò potrebbe causare problemi come i visitatori che pensano che il tuo post sia obsoleto dopo un po 'di tempo. Potrebbe anche essere un problema se hai aggiornato di recente i tuoi contenuti, ma il tuo permalink mostra ancora la vecchia data.

La soluzione è usare il nome del post opzione permalink.

Per impostarlo, vai a Impostazioni Permalink e seleziona Nome post.

Questa opzione è la migliore per scopi SEO.

3. Ripristina WordPress come se fosse una nuova installazione (utilizzando il plugin WP Reset)

Se stai costruendo un sito, se sei uno sviluppatore o anche se sei uno scrittore che scrive articoli su WordPress, potresti scoprire che devi ottenere una nuova installazione di WordPress ogni tanto per testare cose diverse da graffiare.

Ciò può richiedere molto tempo, soprattutto se è necessario eseguire più nuove installazioni su base regolare.

Ma non devi eseguire un'installazione completa ogni volta che hai bisogno di una nuova installazione di WordPress! 

C'è un plugin chiamato Ripristino WP che ti consentirà di ripristinare WordPress come se fosse una nuova installazione.

Per utilizzare questo plug-in, installalo, quindi vai a Strumenti Ripristino WP.

Una volta che sei sulla pagina, vai al Reimposta scheda e scorri fino in fondo. Verrà visualizzata una casella in cui è necessario digitare la parola "ripristina" per utilizzare il Reimposta sito pulsante per ripristinare il tuo sito.

Questo ora ripristinerà la tua installazione come se fosse una nuova installazione di WP.

ripristino wp

Questo è diverso dalla funzione di reinstallazione integrata di WordPress in cui reinstalla WordPress ma mantiene intatti i dati del tuo sito.

Al contrario, WP Reset ripristina la tua installazione di WordPress come se fosse davvero una nuova installazione. Il nome utente e la password rimangono gli stessi, ma tutto il resto viene rimosso.

Tieni presente che la tua cartella wp-uploads conserva i file al suo interno (ma non verranno più visualizzati nella libreria multimediale del tuo sito). Per risolvere questo problema, usa WP Reset Pulisci la cartella dei caricamenti strumento nella Strumenti scheda.

wp ripristina i file puliti

4. Proteggi con password WP-Admin o WordPress Front-End

La protezione con password del tuo WP-Admin può aggiungere un ulteriore livello di sicurezza al tuo sito. Ciò renderà più difficile per gli hacker accedere al tuo sito web, mantenendolo al sicuro (r).

Per proteggere con password WP-Admin (o il tuo front-end WordPress o letteralmente qualsiasi altra parte del tuo sito web), devi avere accesso a cPanel.

Nota: I passaggi descritti qui coprono la versione corrente di cPanel a settembre 2020, ma dovrebbero funzionare nel prossimo futuro.

Passo 1 : Accedi all'account cPanel del tuo sito web.

Passo 2 : Sotto File, trova Privacy della directory. Questo ti porterà alla pagina in cui puoi selezionare le directory che vuoi proteggere con password.

cpanel proteggere con password

Passo 3 : Trova public_html e cliccaci sopra (per impostazione predefinita è qui che risiede il file del tuo sito web. Alcuni host non lo seguono, quindi assicurati di fare riferimento al manuale del tuo host per maggiori informazioni se non riesci a trovare una cartella denominata public_html).

cartella html pubblica

Passo 4 : Trova la cartella chiamata wp-admin poi sotto il azioni colonna, fare clic su edit.

Questo ti porterà alla pagina in cui puoi attivare la protezione con password per la suddetta cartella. 

Nota: questo presuppone che il tuo sito WordPress sia installato nella radice del tuo file public_html cartella. Se l'hai installato in una cartella diversa o se è in un sottodominio, devi trovare la posizione corretta della tua cartella wp-admin.

cartella admin wp

Passo 5 : Attiva l'opzione "proteggere con password questa directory". Se lo desideri, dagli un nome (questo è solo per riferimento), quindi fai clic su salvare pulsante.

password protetta

Dopodiché, la pagina ti chiederà che la protezione con password è stata attivata con successo. Clicca il "Ritornare"E verrai indirizzato al passaggio successivo in cui definirai il nome utente e la password che desideri utilizzare.

Passo 6 : Crea una combinazione di nome utente e password per proteggere il tuo wp-admin. Quando sei soddisfatto, fai clic sul pulsante Salva e il gioco è fatto!

crea utente http auth

Ora, quando visiti la pagina wp-admin (o wp-login.php) del tuo sito web, ti verrà richiesto un dialogo di accesso simile a quello qui sotto.

prompt di autenticazione http

Tieni presente che potresti notare che ti verrà richiesto solo una volta e non nei dettagli successivi. Questo perché i dati di accesso verranno memorizzati come cookie sul tuo browser.

Se utilizzi un browser diverso, attivi la navigazione in incognito, cancella i cookie del browser o utilizzi un computer diverso, ti verrà chiesto di accedere di nuovo.

5. Nascondi wp-includes, wp-content e wp-uploads dalla visualizzazione sul browser (disabilita la navigazione nelle directory)

 Potresti aver notato che puoi vedere quali file ha il tuo sito web semplicemente accedendo a un determinato URL del tuo sito web. Prova ad andare tuositoweb.com/wp-includes/js/jquery/.

Se la pagina è simile a quella qui sotto, ti consigliamo di disabilitare la navigazione nelle directory.

navigazione nelle directory

Se non lo disabiliti, i malintenzionati possono scoprire che tipo di temi e plug-in possiedi e, in base a tali informazioni, possono utilizzare exploit noti per questi elementi per hackerare il tuo sito web.

Per fortuna, disabilitare la navigazione nelle directory è molto semplice.

Nella directory principale del tuo sito web, modifica il tuo .htaccess file e aggiungi questo codice in basso:

Options -Indexes

Salva il tuo .htaccess file e sei a posto! Dopo averlo fatto, prova a visitare l'URL di esempio in precedenza e ora dovresti essere accolto con un errore 403 proibito.

6. Modificare la directory di caricamento dei media di WordPress

Se desideri modificare la directory di caricamento dei file multimediali, puoi farlo facilmente aggiungendo una riga di codice al tuo file wp-config.php file.

Ad esempio, supponiamo che tu voglia cambiare la tua directory di caricamento in una cartella chiamata "media" situata nella directory di installazione principale di WordPress, aggiungeremo questo codice subito dopo require_once (ABSPATH. 'wp-settings.php'); nello wp-config.php file:

define ('UPLOADS', 'media');

D'ora in poi, tutti i file multimediali caricati andranno nella cartella "media".

NOTA: è consigliabile farlo su un sito WordPress appena installato. Tuttavia, puoi ancora farlo su uno già esistente, a condizione che tu sappia cosa stai facendo. Questo perché i tuoi vecchi file multimediali non si sposteranno magicamente nella nuova cartella.

Di conseguenza, quando lo fai su un'installazione WordPress esistente, mentre le tue vecchie immagini continueranno a funzionare correttamente nei tuoi post / pagine, non verranno visualizzate correttamente nella libreria multimediale. Per risolvere questo problema, dovrai spostare i tuoi vecchi file multimediali nella nuova directory e quindi aggiornare il tuo database per riflettere queste modifiche, ma questo è un argomento per un altro articolo.

7. Aggiungi icone al menu di navigazione

È possibile aggiungere facilmente icone al menu di navigazione utilizzando il Icone del menu plugin sviluppato da ThemeIsle. Installa e attiva semplicemente il plug-in e ora sarai in grado di aggiungere icone personalizzate alle voci del menu.

icone del menu

È possibile selezionare da varie sorgenti di tipi di icone (#1). Se desideri utilizzare le tue immagini di icone personalizzate, ti consigliamo di abilitare il file Immagine opzione. Questo ti permetterà di caricare le tue icone personalizzate. Dopo aver attivato i tipi di icone personalizzate, ora puoi aggiungere icone personalizzate alle voci di menu (#2).

Se desideri aggiungere icone al menu di navigazione senza utilizzare plug-in, puoi farlo tramite il CSS personalizzato del tuo tema.

Innanzitutto, avrai bisogno di un'icona, preferibilmente di dimensioni 25 x 25 px, quindi caricala sul tuo sito web. Ti consigliamo di creare una nuova cartella chiamata "icone" nella tua installazione root di WordPress e caricare lì tutte le tue icone personalizzate. Farai quindi riferimento alle tue icone tramite ./icons/youriconname.png sullo snippet di codice CSS personalizzato.

Ecco un esempio di CSS personalizzato che puoi aggiungere al tuo tema. Questo è testato e funziona perfettamente sul tema TwentyTwenty. Potrebbe essere necessario regolarli per adattarli perfettamente al tema che stai utilizzando.

.homemenuicon a {padding-left: 30px; immagine di sfondo: url (./ icons / youriconname.png); background-position: sinistra; background-repeat: nessuna ripetizione; }

Puoi aggiungere CSS personalizzati a qualsiasi tema tramite Temi personalizzare IL MENU CSS aggiuntivo. Dopo aver aggiunto il CSS per le icone del menu, è necessario applicarlo.

Una volta collegato al sito web Tema Menu e abilitare Classi CSS nelle opzioni dello schermo.

opzione classi css

Successivamente, aggiungi la tua classe personalizzata (nel nostro esempio, .homemenuicon) nel campo Classi CSS nel menu.

applica la classe CSS

Salva il menu e vedi la voce del menu principale che ora sfoggia un'icona personalizzata accanto.

Di seguito è riportato come apparirà il nostro esempio nel tema TwentyTwenty utilizzando un'icona home personalizzata di dimensioni 25 x 25 pixel.

icona del menu live

Per aprire tutti i link esterni in una nuova finestra, o aggiungere un attributo noreferrer e noopener a tutti i link esterni, tutto ciò che devi fare è installare un plugin chiamato Collegamenti esterni WP.

Dopo aver installato il plug-in, avrai un nuovo elemento nel menu di navigazione dell'amministratore chiamato "Collegamenti esterni". Vai qui e configura il plugin.

wp link esterni

Per la Apri link esterni opzione, selezionare ciascuno in una nuova finestra o scheda separata. Puoi lasciare altre impostazioni predefinite e sei a posto.

Se vuoi farlo manualmente, segui le istruzioni di seguito.

Aggiungi il seguente frammento di codice alla fine del file functions.php file:

add_action ('wp_enqueue_scripts', 'external_links'); funzione external_links () {wp_enqueue_script ('external_links.js', get_template_directory_uri (). '/js/external_links.js', array ('jquery')); }

Quindi, crea una cartella chiamata "js" all'interno della cartella del tuo tema e al suo interno, crea un file di script chiamato link_esterni.js e quindi copia e incolla il seguente frammento di codice nel suddetto file:

jQuery (document) .ready (function ($) {// Controlla se i link sono esterni, se sì, aggiungi class = external e aggiungi gli attributi appropriati $ ('a'). filter (function () {return this.hostname && this .hostname! == location.hostname;}). addClass ("external"). attr ("rel", "external noopener noreferrer"). attr ("target", "_ blank");});

Ora tutti i collegamenti esterni si apriranno nella nuova scheda e avranno esternonoopenernoreferrer attributi.

9. Aggiungi il pulsante "PayPal Donate / Buy Me a Beer"

Se vuoi accettare donazioni sul tuo sito web, puoi farlo facilmente creando un account PayPal e afferrando il loro pulsante di donazione.

Ecco come aggiungere un pulsante di donazione PayPal:

Accedi al tuo account PayPal, quindi fai clic sull'icona a forma di ingranaggio nell'angolo in alto a destra dello schermo. Quindi, vai a Strumenti del venditore e poi accanto a Pulsanti PayPal, fare clic su gestire.

pulsante paypal passaggio 1

Nella pagina successiva, PayPal ti chiederà quale pulsante desideri creare, seleziona il pulsante Donazioni pulsante.

pulsante paypal passaggio 2

Il prossimo è un processo in quattro parti.

Nel primo passaggio, seleziona il tuo paese / regione, la lingua e lo stile del pulsante PayPal desiderato. Puoi anche utilizzare la tua immagine del pulsante, se lo desideri, selezionando il file Usa la tua immagine del pulsante impostazione.

pulsante paypal passaggio 3

Dopodiché, il passaggio successivo ti consente di impostare uno scopo (a cosa serve la donazione), ecc. Puoi semplicemente premere Continua su questa parte.

pulsante paypal passaggio 4

Nella terza fase, puoi impostare gli importi delle donazioni (se desideri inserire importi fissi delle donazioni) e la valuta desiderata.

pulsante paypal passaggio 5

Per il quarto e ultimo passaggio, è possibile configurare le impostazioni opzionali.

pulsante paypal passaggio 6

Come il passaggio 2, puoi semplicemente saltare questa parte e fare clic Termina e ottieni il codice. Successivamente, puoi vedere il codice HTML per il tuo pulsante di donazione PayPal.

pulsante paypal passaggio 7

Copia l'intero codice e incollalo dove vuoi che appaia sul tuo sito WordPress.

10. Passare da HTTP a HTTPS

Prima di iniziare, assicurati di avere già HTTPS o SSL (certificati) installati e pronti per l'uso sul tuo sito web. Se hai tutto configurato e l'unica cosa che devi fare per configurarlo per il tuo sito Web, ecco cosa devi fare:

Una volta collegato al sito web Impostazioni Generale e quindi aggiorna il tuo URL per utilizzare il file https protocollo. Dopo averlo modificato, fare clic su Risparmi.

da http a https

Successivamente, aggiorna il tuo file .htaccess e aggiungi le seguenti righe:

RewriteEngine On RewriteCond% {HTTPS} off RewriteRule ^ (. *) $ Https: //% {HTTP_HOST}% {REQUEST_URI} [L, R = 301]

Quindi, modifica il tuo wp-config.php file e aggiungi la seguente riga:

define ('FORCE_SSL_ADMIN', true);

Infine, è necessario aggiornare il database per riflettere la modifica nell'URL. In caso contrario, verrà visualizzato un avviso di contenuto misto per il tuo sito web. Sebbene tu possa farlo manualmente, esiste un plug-in che lo rende più semplice: Meglio Cerca e sostituisci.

Installa questo plugin, quindi vai a Strumenti Meglio Cerca e sostituisci.

Nell' Cercare campo, inserisci il tuo vecchio URL senza https, ad esempio, http://www.yourwebsite.com (#1) e poi nel "Sostituire con"Campo, inserisci il tuo nuovo URL con https, come https://www.yourwebsite.com (#2). Quindi, seleziona tutte le tabelle (#3) per assicurarti di non perdere nulla.

Deseleziona il Corri a secco? (#4) e, infine, fare clic su Eseguire Ricerca / Sostituisci (#5) opzione.

migliore ricerca sostituire

I collegamenti interrotti possono danneggiare il SEO del tuo sito web (Google li considera negligenti), oltre al fatto che sono un'esperienza utente negativa. Per assicurarti di essere sempre privo di collegamenti interrotti, puoi utilizzare il plug-in chiamato Link Checker rotto.

Installa e attiva semplicemente il plugin. Inizierà immediatamente la scansione del tuo sito alla ricerca di link da monitorare.

Se un qualsiasi collegamento, esterno o interno, si interrompe, ti avviserà e ti consentirà di modificare o rimuovere facilmente il suddetto collegamento interrotto direttamente nella dashboard del plug-in.

correttore link rotto

Il plugin è altamente configurabile. Puoi selezionare la frequenza con cui il crawler verifica la presenza di collegamenti interrotti, utilizzare API aggiuntive per un migliore rilevamento o controllare non solo i collegamenti normali ma anche i collegamenti di testo normale o persino i collegamenti all'interno dei fogli di stile CSS.

12. Come limitare i tentativi di accesso

Gli attacchi di forza bruta sono una delle forme più comuni di attacchi utilizzati dagli hacker per entrare in un sito WordPress.

Puoi facilmente impedirlo limitando i tentativi di accesso. Il plugin Limita tentativi di accesso ricaricati è scritto specificamente per proteggere da tali attacchi.

limitare i tentativi di accesso

Dopo aver installato il plug-in, puoi accedervi tramite Impostazioni Limitare tentativi di accesso.

Per configurare il plug-in, vai al Impostazioni scheda e configurare le impostazioni di blocco. I valori predefiniti sono spesso sufficienti, ma puoi adattarli alle tue esigenze.

Ecco alcune informazioni rapide sulle impostazioni in modo da poterle regolare di conseguenza:

  1. Tentativi consentiti - quanti tentativi di accesso prima che un utente (o IP) venga bloccato
  2. Minuti di blocco - per quanto tempo un utente rimane bloccato prima di poter riprovare ad accedere di nuovo
  3. I blocchi X aumentano il tempo di blocco a X ore - consente di impostare un periodo di blocco esteso dopo che un utente è stato bloccato per un determinato numero di volte
  4. Ore fino al ripristino dei tentativi - puoi lasciare questo valore predefinito

13. Come aggiungere l'autenticazione a due fattori

In combinazione con il limite di tentativi di accesso, l'autenticazione a due fattori rende impossibile per chiunque accedere al tuo sito WordPress. Per aggiungere Two-Factor, uno dei metodi più semplici è usare un plugin chiamato a due fattori.

Dopo aver installato il plug-in, verrà visualizzato un nuovo set di opzioni in Utenti tuo profilo.

due fattori

È quindi possibile selezionare il tipo di opzioni a due fattori che si desidera utilizzare (è possibile abilitare più opzioni per una maggiore sicurezza).

  • E-mail - ad ogni accesso, riceverai un codice al tuo indirizzo email (quello registrato sotto il tuo profilo WordPress).
  • One-time password basata sull'ora (Google Authenticator) - per questo è necessario uno smartphone con l'app Google Authenticator installata.
  • FIDO Universal 2nd Factor (U2F) - avrai bisogno di un dispositivo USB certificato FIDO per abilitare questa impostazione, puoi trovare maggiori informazioni a riguardo qui.
  • Codici di verifica del backup (monouso) - se perdi l'accesso, ad esempio, al tuo smartphone su cui è installato Google Authenticator, potresti avere problemi di accesso. Puoi generare codici di verifica di backup una tantum che puoi utilizzare per accedere al tuo sito WordPress. Assicurati di controllare l'opzione abilitata per questo dopo aver generato i codici in modo da poterli utilizzare.

14. Disabilitare il tema e l'editor dei plugin

Quando hai più amministratori che gestiscono il tuo sito web, potresti voler evitare che lo rovinino disabilitando il tema e l'editor dei plugin.

Per disabilitarlo, modifica wp-config.php e aggiungi la seguente riga di codice appena prima della riga che dice "È tutto, smetti di modificare! Buona pubblicazione"

define ( 'DISALLOW_FILE_EDIT', true);

Una volta aggiunta quella riga, l'elemento "modifica" verrà rimosso dal menu della barra laterale di amministrazione di temi e plug-in.

15. Caricamento pigro di immagini

Il caricamento lento delle immagini è un concetto in cui le immagini vengono caricate solo quando l'utente scorre su di esse.

Ciò rende il tempo di caricamento iniziale di una pagina web molto più veloce rispetto al normale caricamento delle immagini. Ciò migliora non solo la tua esperienza utente, ma anche il tuo SEO (Google premia i siti web veloci).

Se desideri un sito Web veloce, ti consigliamo vivamente di dare un'occhiata a questo articolo di WP Rocket.

NOTA:  A partire da WordPress 5.5, il caricamento lento è diventato parte della versione principale. Se stai utilizzando l'ultima versione di WordPress, puoi saltare questo trucco.

Tuttavia, il plugin che presentiamo qui funziona fianco a fianco con il caricamento lento integrato, rendendolo molto più efficiente. Il plugin gestisce anche la compatibilità con le versioni precedenti e le immagini esterne (che il core di WordPress non carica affatto).

Esistono molti plugin che ti consentono di implementare il caricamento lento per il tuo sito Web WordPress, ma uno dei migliori si chiama a3 Carico pigro. A differenza dei suoi concorrenti che cercano di fare molte altre cose, questo plugin ti offre solo una funzionalità: il caricamento lento per diverse risorse del tuo sito web.

Installa semplicemente questo plugin e assicurati che il caricamento lento sia abilitato tramite Impostazioni a3 Carica pigro e sei a posto!

wp carico pigro

Ora hai il caricamento lento abilitato sul tuo sito web.

16. Rimuovere le stringhe di query dalle risorse statiche

A volte, quando provi il tuo sito web con Pingdom Tools o GTMetrix, vedrai un suggerimento a rimuovere le stringhe di query.

Le stringhe di query sono la parte di un URL dopo ? e &. Puoi vederlo spesso in molte parti del Web, in particolare nella barra degli indirizzi quando cerchi qualcosa in Google.

www.tuosito.com/example.css?v=3.5

Nell'URL di esempio sopra, la parte ? v = 3.5 è una stringa di query. Di solito, URL come questo lo sono non memorizzato nella cache anche con il controllo della cache e questo può influire sul tempo di caricamento del tuo sito web. Ecco perché gli strumenti di test della velocità del sito Web consigliano di rimuovere le stringhe di query.

Per rimuovere le stringhe di query dalle risorse statiche, copia e incolla questo frammento di codice nel tuo tema functions.php file:

funzione remove_query_strings () {if (! is_admin ()) {add_filter ('script_loader_src', 'remove_query_strings_split', 15); add_filter ('style_loader_src', 'remove_query_strings_split', 15); }} funzione remove_query_strings_split ($ src) {$ output = preg_split ("/ (& ver | \? ver) /", $ src); restituisce $ output [0]; } add_action ('init', 'remove_query_strings');

Salvare il file e le stringhe di query dalle risorse statiche dovrebbero ora essere sparite.

17. Nega l'accesso a tutti i file .htaccess

Per impostazione predefinita, il tuo server dovrebbe negare automaticamente l'accesso a tutti i file che iniziano con .ht ma se per qualche motivo non è il tuo caso, ti suggeriamo di passare a un host migliore con una maggiore sicurezza.

Nel frattempo, puoi aggiungere il seguente codice al tuo file .htaccess per impedirne l'accesso:

Ordine consenti, nega nega a tutti

18. Aggiungi caratteri personalizzati in WordPress

L'aggiunta di caratteri personalizzati in WordPress rende il tuo sito unico, soprattutto se utilizzi un tema popolare.

Sebbene molti temi premium includano già caratteri personalizzati, potresti comunque voler aggiungere un carattere tutto tuo, davvero unico, se lo desideri.

Per fare ciò, devi prima trovare i caratteri per il tuo sito web.

Alcuni dei posti migliori per cercare i caratteri sono Google Fonts, Adobe Fonts e FontSquirrel. Ci sono anche tantissimi plugin che puoi utilizzare per aggiungere caratteri personalizzati al tuo file WordPress sito.

Alcuni dei migliori plugin sono Use Any Font, WP Google Font e Google Fonts Typography.

In questo suggerimento, tuttavia, ti mostreremo come aggiungere un font Google Fonts al tuo sito web senza utilizzando i plugin.

Innanzitutto, trova il carattere che desideri utilizzare su Google Fonts. Ad esempio, utilizzeremo il carattere Ranchers.

font google

  1. Seleziona lo stile che desideri, fai clic su Seleziona questo stile pulsante (# 1) per aggiungerlo alla selezione. Nota: l'immagine dice "Rimuovi questo stile" poiché l'abbiamo già selezionato.
  2. Vai Incorpora (# 2) scheda nella barra laterale e prendi nota del file (# 3) e Regole CSS per specificare le famiglie (# 4). Li useremo in seguito.

Accedi al tuo sito WordPress e modifica functions.php e aggiungi il seguente frammento di codice che ci consente di inserire uno snippet di codice nell'intestazione del nostro sito WordPress (grazie a Kinsta per il modello di snippet):

/ * Aggiungi collegamento a Google Fonts * / add_action ('wp_head', 'add_link_to_googlefont'); function add_link_to_googlefont () {?> INSERISCI IL CODICE PER COLLEGARE QUI IL FONT

Sostituire il INSERISCI IL CODICE PER COLLEGARE QUI IL FONT con il " "(#3 nell'immagine sopra) frammento di codice. Salva il file. Il tuo functions.php dovrebbe ora essere simile a questo:

funzione personalizzata google font

Ora possiamo iniziare a usare il carattere.

Per applicare il carattere, vai a Forma  personalizzare IL MENU CSS aggiuntivo quindi aggiungi le regole CSS per applicare il carattere a parti del sito. Ad esempio, se vogliamo applicare il carattere a tutti gli elementi h1 nel sito oltre che al titolo del sito, aggiungeremo uno snippet CSS come questo:

h1, .site-title {INSERT CSS RULE HERE}

sostituire INSERISCI LA REGOLA CSS QUI con lo snippet di codice "Regole CSS per specificare le famiglie" (#4 nell'immagine sopra) in precedenza. Il tuo CSS dovrebbe assomigliare a questo:

CSS personalizzato

Nota che l'anteprima del personalizzatore non caricherà correttamente il nostro carattere personalizzato, quindi non vedrai le modifiche qui in tempo reale. Devi pubblicare le tue modifiche e visualizzare il tuo sito per vedere se il carattere si sta caricando correttamente. 

In caso contrario, assicurati di aver seguito correttamente ogni passaggio.

19. Aggiungi commenti impaginati

A volte, un post del blog o un articolo che pubblichi sul tuo sito WordPress attirerà dozzine o addirittura centinaia di commenti. Questi possono sommarsi, portando l'articolo a diventare molto lungo.

Ma ecco qualcosa che probabilmente non sapevi:

WordPress ha un'impostazione integrata per l'impaginazione dei commenti per evitare che un problema del genere si verifichi!

Per accedervi, accedi alla dashboard di WordPress e poi vai a Impostazioni Discussione e poi sotto Altre impostazioni dei commenti, spunta il Suddividi i commenti nelle pagine opzione.

commenti impaginati

È quindi possibile impostare il numero di commenti di primo livello da visualizzare prima che i commenti successivi vengano inseriti nella pagina successiva, il loro ordine di visualizzazione, ecc.

Tieni presente che, a seconda dello stile del tema, potresti vedere l'impaginazione numerata o l'impaginazione successiva / precedente.

20. Modificare il testo "Leggi altro"

Se vuoi cambiare il testo Leggi altro, tutto ciò che devi fare è aggiungere il seguente frammento di codice nel tuo tema function.php file:

funzione custom_read_more_link () {return ' IL TUO LEGGI ALTRO TESTO QUI '; } add_filter ('the_content_more_link', 'custom_read_more_link');

sostituire IL TUO LEGGI ALTRO TESTO QUI con il testo desiderato leggi più. A seconda del tema, potrebbe essere necessario aggiungere uno stile personalizzato al file .more-link classe per correggere il suo aspetto.

21. Sposta WordPress su un nuovo host

Se vuoi passare a un nuovo host, il processo è più semplice di quanto potresti pensare.

Osservazioni:: questa guida presuppone che tu abbia già aggiornato il DNS del tuo dominio in modo che punti al tuo nuovo host. Se non l'hai ancora fatto, assicurati di aggiornarlo prima. Mentre attendi l'aggiornamento del DNS del tuo dominio, puoi iniziare a seguire i passaggi seguenti, ma potrebbero essere necessarie dalle 24 alle 48 ore prima che il tuo sito sia nuovamente attivo.

Ecco una semplice guida passo passo per spostare il tuo sito WordPress su un nuovo host:

STEP 1:

Esegui il backup dei file del tuo sito Web WordPress. Accedi al tuo account cPanel, comprimi tutti i file WordPress del tuo sito web e scarica il file zip creato sul tuo computer.

Puoi anche utilizzare FTP per scaricare i tuoi file così come sono sul tuo computer (assicurati di creare una cartella autonoma sul tuo computer che non conterrà nient'altro che i file WordPress del tuo sito).

STEP 2: 

Esegui il backup del database. Accedi a phpMyAdmin e fai il backup del tuo database. Seleziona il database del tuo sito nella barra laterale sinistra, quindi vai al Esportare scheda.

Nell' Metodo di esportazione select Ricerca. Nel Formato, Selezionare SQL. Quindi fare clic Go e una copia del tuo database verrà scaricata sul tuo computer.

esportare il database

NOTA: se hai un'opzione per selezionare le righe, stai selezionando una singola tabella da esportare. Assicurati di selezionare l'intero database. Per assicurarti di aver selezionato l'intero database, la barra di stato in alto non dovrebbe visualizzare nient'altro dopo Database: yourwebsite_db e la pagina dovrebbe dire qualcosa sulla falsariga di esportare tabelle dal database "any_dbname" non esportando righe dalla tabella "any_rowname".

STEP 3: 

Crea un nuovo database sul tuo nuovo host. Annotare il nome del database, il nome utente e la password. Avrai bisogno di questi dettagli presto.

STEP 4: 

Estrai il tuo backup di WordPress zippato (quello che hai scaricato nel passaggio 1) e modifica il file wp-config.php.

Trova e aggiorna il file DB_NAME con il nome del tuo nuovo database, DB_USER con l'utente del nuovo database e DB_PASSWORD con la password del nuovo database. Questi sono i dettagli che hai creato nel passaggio 3.

STEP 5: 

Se intendi utilizzare un nuovo nome di dominio per il tuo sito, crea una nuova copia di backup del tuo vecchio database, quindi modifica la copia e trova e sostituisci il tuo vecchio nome di dominio con il tuo nuovo nome di dominio.

NUOVI PASSI DEL DOMINIO

Editor di testo speciali come Notepad ++ o Visual Studio Code hanno un'elegante funzionalità di ricerca e sostituzione per semplificare l'operazione.

Il formato dovrebbe essere:

TROVA: https://www.yourdomain.com

SOSTITUIRLO CON: https://www.yournewdomain.com

Assicurati di includere il protocollo corretto (http or https) e se il tuo sito utilizza www o no (sia per i nuovi che per i vecchi domini) e terminalo con tld (es .com.netsenza la barra rovesciata (/).

Una volta che sei sicuro delle modifiche, premi il pulsante trova e sostituisci tutto pulsante o qualsiasi altra opzione equivalente del tuo editor di testo. Ora puoi caricare questo database aggiornato sul tuo nuovo host.

Se sbagli, hai ancora un database di backup a cui tornare.

MANTENERE LO STESSO NOME DI DOMINIO

Accedi al cPanel del tuo nuovo host e poi accedi a phpMyAdmin. Fai clic sul nome del tuo nuovo database nella barra laterale sinistra e poi vai al file Importare scheda. Clicca il Scegli il file quindi seleziona il backup del database del tuo sito Web WordPress e fai clic su Go. Questo processo potrebbe richiedere del tempo.

database di importazione

STEP 6:

Comprimi il tuo backup WordPress aggiornato, quindi accedi al cPanel del tuo nuovo host e carica l'archivio tramite il File Manager di cPanel. Una volta terminato il caricamento, decomprimere i file nella radice del file public_html (o qualunque cartella risieda nel tuo sito - controlla il tuo host per i dettagli - ma di solito è public_html). Assicurati che i file siano nella root, non in una cartella! Ci sono casi in cui l'estrazione di file da un archivio compresso li estrae in una cartella con lo stesso nome dell'archivio: in tal caso, sposta i file nella directory principale.

In alternativa, puoi utilizzare FTP per caricare i file sul tuo nuovo host senza doverli comprimere. Assicurati di caricare quello aggiornato (quello in cui hai aggiornato le credenziali del DB).

Da qui, ora puoi accedere al tuo sito utilizzando le tue vecchie credenziali.

E hai finito! Hai migrato con successo il tuo sito web a un nuovo host!

22. Cambia il nome di dominio di WordPress

Cambiare il nome di dominio del tuo WordPress è facile.

Prima di farlo, assicurati che i server dei nomi del nuovo dominio puntino al server di hosting corrente.

Tutto quello che devi fare è accedere alla dashboard di WordPress e poi andare su Impostazioni Generale e poi aggiorna Indirizzo WordPress (URL) Indirizzo del sito (URL) con il tuo nuovo nome di dominio (per impostazione predefinita, entrambe queste impostazioni dovrebbero contenere lo stesso nome di dominio [URL], se non sai se devi inserire due valori diversi qui, inserisci il tuo nuovo nome di dominio in entrambi).

cambia l'URL del dominio

Clicca Salva modifiche.

Ora riceverai un errore 404 ... è normale.

Ora accedi al tuo sito Web e alla pagina di amministrazione di WordPress tramite il nuovo dominio. Hai aggiornato con successo il tuo nome di dominio!

Non dimenticare di impostare reindirizzamenti 301 nel tuo file .htaccess dal tuo vecchio URL al tuo nuovo URL per scopi SEO.

23. Come tornare al classico editor di WordPress

WordPress 5.0 ha visto il rilascio del nuovo Gutenberg Editor, un editor di blocchi abbastanza simile ai page builder. Con Gutenberg puoi usare "blocchi" per aggiungere elementi al tuo post o alla tua pagina, il che semplifica la creazione di pagine visivamente sbalorditive, anche senza l'aiuto di un page builder come Elementor o Beaver Builder.

Tuttavia, non possiamo negare che il classico editor di WordPress abbia il suo fascino e, per alcuni, potrebbe essere più facile da usare.

Se preferisci l'Editor classico, puoi ripristinarlo facilmente installando il plugin chiamato Editor classico. Dopo aver installato e attivato il plug-in, vai a Impostazioni scrittura e seleziona Editor classico come editor predefinito per tutti gli utenti.

torna all'editor classico di wordpress

Potresti aver notato la nuova opzione che consente agli utenti di passare da un editor all'altro. Selezione Sì aggiunge un nuovo widget che consente ai tuoi autori di passare al loro editor preferito a piacimento.

24. Usa i tag del titolo e il testo alternativo per le tue immagini

L'aggiunta di testo alternativo all'immagine aiuta i motori di ricerca e gli screen reader a capire cos'è un'immagine. Inoltre, se, per qualche motivo, la tua immagine non è stata in grado di caricarsi, verrà invece visualizzato il testo alternativo, consentendo ai visitatori di sapere cosa dovrebbe essere un'immagine.

Il tag Title, d'altra parte, sebbene non abbia un impatto sulla SEO come il tag alt, è comunque abbastanza importante in termini di usabilità. Il tag del titolo dell'immagine verrà visualizzato se un utente passa il mouse su un'immagine (come mostrato di seguito).

tag del titolo dell'immagine

Puoi lasciare vuoto il tag del titolo, ma il tag alt è quasi sempre obbligatorio.

Per aggiungere un tag alt a un'immagine tramite l'Editor blocchi, fai clic sull'immagine e quindi nella barra laterale vai al file Bloccare scheda e sotto impostazioni dell'immagine, puoi trovare l'impostazione per l'attributo alt e sotto, nel file Avanzate, puoi trovare l'impostazione per il titolo dell'immagine.

aggiunta di tag alt immagine

Se utilizzi l'editor classico, fai clic sull'immagine e quindi su icona della matita per aprire le impostazioni dell'immagine. Da lì, dovresti vedere le impostazioni sia per il testo alternativo che per il titolo.

aggiunta di tag alt immagine classica

25. Scorciatoie di Gutenberg

Queste scorciatoie di Gutenberg possono aiutarti a navigare e formattare facilmente i tuoi contenuti quando usi il nuovo editor di WordPress.

Per visualizzare le scorciatoie di Gutenberg, premere MAIUSC + ALT + H. (opzione + controllo + h per Mac).

tasti di scelta rapida dell'editor di blocchi

Non tutti i siti Web supportano i widget del piè di pagina. Quindi questo tweak ti aiuterà ad aggiungere più widget a piè di pagina nel tuo tema WordPress. Leggi il tutorial qui.

27. Personalizza la pagina di accesso

Esistono diversi modi per personalizzare la tua pagina di accesso. Se vuoi cambiarlo tramite CSS, ecco un cheat sheet:

Selettore

Cosa cambia

body.login

Sfondo dell'intera pagina di accesso

body.login div # login h1 a

Logo di WordPress

body.login div # form di login # form di login

Login Form

body.login div # login form # loginform p label

Etichetta campo nome utente e password

body.login div # login form # loginform input

Campo di inserimento nome utente e password

body.login div # login form # loginform input # user_login

Campo di immissione del nome utente

body.login div # login form # loginform input # user_pass

Campo di immissione della password

body.login div # login form # loginform p.forgetmenot

Ricordami su questo computer

body.login div # login form # loginform p.submit input # wp-submit

Pulsante Invia

body.login div # login p # nav a

Link di testo "Hai perso la password"

body.login div # login p # backtoblog a

Link di testo "Torna a {site_name}"

Per utilizzare questo CSS, devi creare un file CSS che conterrà i tuoi stili personalizzati. Ti consigliamo di creare una cartella nell'installazione principale di WordPress che conterrà il tuo file CSS personalizzato.

Quindi, devi aggiungere una funzione nel tuo tema functions.php file per il file CSS personalizzato da caricare:

funzione custom_login_style () {wp_enqueue_style ('custom-login', 'PATH_TO_YOUR_CUSTOM_CSS_FILE'); } add_action ('login_enqueue_scripts', 'custom_login_style');

Non dimenticare di sostituire PATH_TO_YOUR_CUSTOM_CSS_FILE con il percorso effettivo del file CSS.

28. Aggiungi modello di pagina personalizzato in WordPress

Innanzitutto, crea un file chiamato "mycustompagetemplate.php". Puoi denominare il file come preferisci, purché l'estensione del nome del file sia ". Php".

Apri questo file nel tuo editor di testo preferito e aggiungi questa riga:


Questo dirà a WordPress che questo è un file modello, lo chiameremo "Il mio modello di pagina personalizzato". Di nuovo, puoi inserire quello che vuoi dopo il nome del modello, assicurati che rifletta ciò per cui il modello dovrebbe essere usato (cioè modello a larghezza intera, modello BG rosso, ecc.).

Carica il file nella directory principale del tuo tema (o qualsiasi tema su cui prevedi di utilizzare questo modello personalizzato). Questo è tipicamente "wp-content / themes / themename".

Successivamente, prova a creare un nuovo post o pagina e vedrai il tuo modello personalizzato disponibile per la selezione. Il suo nome sarà quello che inserisci nel nome del modello.

In questo momento, tuttavia, se applichi il tuo modello personalizzato a una pagina, la pagina non visualizzerà nulla perché non c'è nulla nel nostro file modello.

Per fare in modo che il nostro file modello mostri qualcosa, cambiamo il contenuto del file myscustomtemplate.php come segue:




    





Ora, applica il modello a una pagina e osserva che visualizza correttamente il contenuto della pagina. Da qui, puoi apportare modifiche personalizzate a questo modello aggiungendo i tuoi frammenti di codice personalizzati, uno stile personalizzato, ecc.

29. Aggiungi Infinite Scroll WordPress Trick

L'aggiunta di scorrimento infinito al tuo sito WordPress può essere eseguita facilmente con un semplice trucco, ma richiede l'installazione del file Plugin JetPack. Dopo aver installato il plug-in, vai a jetpack Impostazioni poi vai al scrittura scheda e trova il file Miglioramenti del tema .

scroll infinito

Se questa sezione non è abilitata o se richiede supporto, modifica il file function.php del tuo tema e aggiungi il seguente frammento di codice:

add_theme_support ('infinite-scroll', array ('container' => 'content', 'footer' => 'page',));

Ora dovrebbe essere presente l'opzione di scorrimento infinito in JetPack.

30. Disabilita le revisioni dei post

Se per qualche motivo non desideri memorizzare le revisioni dei post (riducendo così le dimensioni del database), puoi aggiungere la seguente riga di codice al tuo wp-config.php file:

define ('WP_POST_REVISIONS', false);

Salva il file e il gioco è fatto!

31. Installa un tema figlio

La creazione di un tema figlio è un modo eccellente per aggiungere personalizzazioni permanenti al tema.

Se stai apportando molte modifiche al tuo sito web tramite il file functions.php, sai che ogni volta che aggiorni il tema, le modifiche che apporti vanno perse. Un modo per preservarli è usare un child theme.

Useremo il tema TwentyTwenty come esempio.

Per creare un tema figlio, accedi alla tua installazione root di WordPress tramite il file manager di cPanel o tramite FTP e vai a wp-content > temi.

Al suo interno, crea una nuova cartella, dagli lo stesso nome del tema principale ma con "-bambino"Suffisso (ad esempio"ventidue figli").

All'interno di quella cartella, crea un file chiamato "style.css". Al suo interno, incolla quanto segue:

/ * Nome del tema: Twenty Twenty Child Descrizione: Twenty Twenty Child Theme Template: Twentytwenty Versione: 1.0.0 * /

Questo dice a WordPress che stiamo creando un tema figlio basato su Twenty Twenty. Puoi aggiungere altri parametri qui, ma il file Nome del tema e Modello sono necessarie. Il nome del tema è il nome del tema figlio e il modello è il nome della directory del tema principale.

E questo è tutto!

Ora dovresti essere in grado di vedere e attivare il tuo tema figlio quando accedi alla dashboard di WordPress. Per aggiungere funzioni personalizzate, crea un file functions.php file nella directory del tema figlio e aggiungi i tuoi frammenti di codice personalizzati.

Non perderai più i tuoi frammenti di codice personalizzato anche quando aggiorni il tema principale.

32. Elimina revisioni post esistenti

Puoi eliminare facilmente le revisioni dei post esistenti installando il plug-in chiamato "WP-Sweep". Dopo aver installato e attivato quel plugin, puoi accedervi tramite Strumenti Sweep.

Da lì puoi trovare Revisioni e fai clic sul corrispondente Sweep pulsante per pulire le revisioni dei post.

elimina wp post revisione

Se preferisci non utilizzare un plug-in e sei a tuo agio con i comandi MySQL e phpMyAdmin, la query che vorrai usare è:

DELETE FROM wp_posts WHERE post_type = "revision";

Non dimenticare di sostituire wp_ con il prefisso WordPress del tuo database. Inoltre, assicurati di eseguire un backup prima di farlo!

Uno dei modi migliori per aggiungere una casella in primo piano all'interno del contenuto è utilizzare uno shortcode.

Copia e incolla il seguente frammento di codice nel tuo file functions.php:

funzione content_featured_box ($ atts, $ content = null) {return '  '. do_shortcode ($ contenuto). ' '; } add_shortcode ('Featuredbox', 'content_featured_box');

Per usarlo, usa semplicemente il codice breve [Featuredbox] I tuoi contenuti in primo piano vanno qui [/ Featuredbox] e metti in mezzo i tuoi contenuti in primo piano (puoi aggiungere codice HTML).

Puoi personalizzarne l'aspetto modificando lo shortcode o assegnando un ID o una classe al file elemento nel codice functions.php e quindi dandogli uno stile personalizzato tramite l'editor CSS del tema (personalizza> CSS aggiuntivo).

Uno dei modi migliori per mantenere gli utenti coinvolti sul tuo sito web è mostrare i contenuti correlati. Ma come puoi farlo sul tuo sito Web WordPress?

Ci sono molti plugin là fuori che fanno il lavoro come YARPP (che non ci piace perché crea problemi di prestazioni) e JetPack. Se desideri una soluzione che utilizzi plug-in, installa uno di questi plug-in e otterrai la funzionalità dei post correlati immediatamente.

Se vuoi una soluzione fai da te, continua a leggere.

Innanzitutto, devi creare un tema figlio del tuo tema corrente. Una volta che hai finito, crea una copia del tema principale single.php or singular.php file nella cartella del child theme.

Nella directory principale del tema figlio, crea un file chiamato related-posts.php e al suo interno, inserisci il seguente frammento di codice. Questo frammento mostrerà quattro post correlati per categoria. Questa è una query abbastanza semplice, ma porta a termine il lavoro.

Potrebbe piacerti anche: wp_get_post_categories ($ post-> ID), 'posts_per_page' => 4, // numero di post correlati da visualizzare 'post__not_in' => array ($ post-> ID))); if ($ related-> have_posts ()) {while ($ related-> have_posts ()) {$ related-> the_post (); ?> 

Quindi, nel file single.php o singular.php del tuo child theme, inserisci il seguente frammento di codice ovunque desideri che appaiano i post correlati. Ad esempio, puoi metterlo subito prima della chiusura  etichetta.

 

Infine, dobbiamo definire lo stile del nuovo contenuto. Nel tema del tuo bambino style.css file, aggiungi il seguente frammento di codice:

.related-posts {margin: 2em auto auto auto; larghezza: 70%; imbottitura inferiore: 35px; text-align: center; } .related-posts-link {padding: 5px 0; dimensione del carattere: 1.65 em; variante del carattere: maiuscoletto; spessore del carattere: grassetto; } .related-posts-excerpt {margin: auto; imbottitura in alto: 10px; larghezza: 75%; }

Puoi configurare questi stili con qualsiasi cosa desideri che appaiano i tuoi post correlati.

Ecco qui! Ora hai una semplice funzionalità di post correlati sul tuo tema. Puoi modificare la query per visualizzare altri contenuti, ad esempio ordinare per data di pubblicazione per ottenere il contenuto pubblicato o aggiornato più di recente nella categoria o altre modifiche che hanno senso per te.

35. Cancella migliaia di commenti spam non filtrati in pochi secondi

Potresti pensare che sia difficile eliminare tutti i tuoi commenti spam (forse migliaia) in pochi secondi, ma non lo è. WordPress ha un pulitore antispam integrato a cui puoi accedere facilmente tramite Commenti Spam.

eliminare i commenti spam

Dovrebbe esserci un file Spam vuoto pulsante lì che, se cliccato, cancellerà tutti i commenti spam.

36. Disabilitare l'accesso alla barra di amministrazione a tutti gli utenti

Spesso per sito di appartenenza / comunità, la barra di amministrazione di WordPress non sarebbe personalizzata per gli utenti finali. In questi casi, potresti voler disabilitare l'accesso alla barra di amministrazione.

Se desideri disabilitare l'accesso alla barra di amministrazione per tutti gli utenti compreso l'amministratore, aggiungi quanto segue al tuo tema functions.php file:

show_admin_bar (false);

Ora, ogni volta che un utente connesso visualizza il frontend del tuo sito, la barra di amministrazione non verrà visualizzata.

37. Aumenta la memoria PHP

Per aumentare il limite di memoria PHP del tuo sito WordPress, tutto ciò che devi fare è modificare il file wp-config.php del tuo sito web e aggiungere la seguente riga subito dopo la riga che dice define ('WP_DEBUG', false); 

Osservazioni:: il tuo debug potrebbe essere impostato su un valore diverso, ma fintanto che la riga dice "WP_DEBUG", È il posto giusto.

define ('WP_MEMORY_LIMIT', '256M');

aumentare il limite di memoria wp

È possibile modificare il secondo parametro in qualsiasi valore si desideri seguito da "M" che sta per megabyte. 256M dovrebbero essere più che sufficienti per la maggior parte dei siti, ma sentiti libero di adattarti alle tue esigenze e al tuo piano di hosting.

Salva il file e il gioco è fatto, hai aumentato con successo il limite di memoria del tuo sito WordPress.

38. Disabilitare il controllo degli aggiornamenti dei plugin

Se, per qualche motivo, desideri disabilitare il controllo dell'aggiornamento del plug-in di WordPress (forse per motivi di prestazioni), tutto ciò che devi fare è aggiungere il seguente frammento di codice al tuo tema functions.php file:

remove_action ('load-update-core.php', 'wp_update_plugins'); add_filter ('pre_site_transient_update_plugins', create_function ('$ a', "return null;"));

Ora non riceverai più le notifiche di aggiornamento del plug-in. 

Attenzione: non è consigliabile lasciarlo attivo per molto tempo poiché plugin obsoleti possono introdurre rischi per la sicurezza del tuo sito. A meno che tu non abbia altri modi per mantenere aggiornato il tuo sito e mitigare tali rischi.

39. Aumentare / diminuire la dimensione massima di caricamento tramite Media Uploader

Se devi aumentare o diminuire i caricamenti di file, tutto ciò che devi fare è aggiungere il seguente codice al tuo sito .htaccess file:

php_value upload_max_filesize 64M php_value post_max_size 64M

Il codice sopra aumenterà la dimensione del caricamento a 64 MB. Puoi cambiarlo in qualcosa come 2M per ridurre la dimensione di caricamento a 2 MB o in qualcosa come 256M per aumentarlo ulteriormente a 256 MB.

Se i tuoi caricamenti scadono, aggiungi quanto segue:

php_value max_execution_time 300 php_value max_input_time 300

Per impostazione predefinita, il tempo massimo di esecuzione per gli script PHP è di 30 secondi.

Se uno script viene eseguito più a lungo del tempo predefinito, PHP lo termina e segnala un errore.

Gli snippet di codice sopra fanno in modo che gli script PHP possano essere eseguiti per un massimo di 300 secondi. Potrebbe essere necessario regolarlo soprattutto se aumenti il ​​limite delle dimensioni di caricamento a dimensioni del file ancora maggiori.

 

40. Reindirizzamento a una pagina di manutenzione

Se hai bisogno di mettere il tuo sito in modalità di manutenzione, potresti voler reindirizzare tutti alla tua pagina di manutenzione per far loro sapere che il tuo sito è attualmente in fase di aggiornamento / manutenzione.

Ad esempio, supponiamo che la tua pagina di manutenzione si trovi in tuosito.com/manutenzione.html, quindi devi aggiungere il seguente codice al tuo file .htaccess file:

# Reindirizza tutto il traffico al file maintenance.html RewriteEngine su RewriteCond% {REQUEST_URI}! /Maintenance.html$ RewriteCond% {REMOTE_ADDR}! ^ 123 \ .123 \ .123 \ .123 RewriteRule $ /maintenance.html [R = 302, L]

Ora, finché questo codice è attivo nel tuo file .htaccess, tutti verranno reindirizzati alla tua pagina di manutenzione. Non dimenticare di rimuoverlo dopo aver terminato la manutenzione!

41. Pagine di errore personalizzate

Se desideri creare le tue pagine di errore personalizzate, tutto ciò che devi fare è modificare il tuo file .htaccess file in modo che punti alle pagine di errore personalizzate.

ErrorDocument # /directory/your-error-file.html

sostituire # con il codice di errore, / directory / con il percorso del file di errore e tuo-file-di-errore.php per il nome del file del file di errore.

Ad esempio, gli snippet di codice seguenti dichiarano pagine di errore personalizzate per errori 403, 404 e 500. I file sono chiamati "XXX-error.html"E poiché non è presente alcun percorso, si presume che questi file si trovino nella directory principale del sito Web.

# Pagina di errore personalizzata per errore 403, 404 e 500 ErrorDocument 404 /404-error.html ErrorDocument 403 /403-error.html ErrorDocument 500 /500-error.html

42. Evidenzia i commenti dell'autore

A volte, vuoi far risaltare i commenti dell'autore tra gli altri. Tutto quello che devi fare è aggiungere un CSS personalizzato tramite Forma  > personalizzare IL MENU CSS aggiuntivo:

.bypostauthor {background: #eee; }

Questo metterà in evidenza il commento dell'autore con uno sfondo grigio. Puoi cambiarlo con qualsiasi colore desideri e aggiungere uno stile aggiuntivo.

43. Rimani connesso per un lungo (er) periodo

Per impostazione predefinita, WordPress ti tiene connesso per 2 settimane se selezioni l'opzione "Ricordami" durante l'accesso.

Aggiungi il seguente frammento di codice al file function.php del tuo tema in modo da poter rimanere connesso al tuo sito per un anno. Puoi convertire qualsiasi tempo in secondi e aggiornare di conseguenza se vuoi che sia più lungo o più breve.

add_filter ('auth_cookie_expiration', 'stay_logged_in_for_1_year'); funzione stay_logged_in_for_1_year ($ expire) {return 31556926; // 1 anno in secondi}

44. Abilita gli shortcode sui widget

Gli shortcode funzionano immediatamente su molti widget, ma non su tutti. Per assicurarti che i tuoi widget gestiscano correttamente gli shortcode, aggiungi il seguente frammento di codice al tuo tema functions.php file:

add_filter ('widget_text', 'do_shortcode');

45. Modificare la lunghezza dell'estratto

Per impostazione predefinita, la lunghezza degli estratti in WordPress è di 55 parole. Per cambiarlo, aggiungi il seguente frammento di codice nel tuo tema functions.php file:

funzione custom_excerpt_length ($ length) {return 20; } add_filter ('excerpt_length', 'custom_excerpt_length', 999);

Questo cambierà la lunghezza dell'estratto del tuo tema a 20 parole come indicato dalla riga che dice ritorna 20; ma puoi cambiarlo in qualsiasi numero tu voglia.

46. ​​Visualizza i post più commentati tramite shortcode

Se desideri visualizzare un elenco dei tuoi post più commentati ovunque sul tuo sito, tutto ciò che devi fare è aggiungere il seguente frammento di codice al tuo tema function.php file:

function display_most_commented_posts () {// start output buffering ob_start (); ?>  have_posts ()): $ query-> the_post (); ?> 

Dopo aver aggiunto lo snippet di codice e salvato il file, ora puoi utilizzare lo shortcode:

[dmcp_most_commented]

... ovunque sul tuo sito e nell'elenco dei primi 10 (o qualsiasi valore tu abbia impostato posts_per_page) verranno visualizzati i post più commentati.

47. Personalizza i testi dopo il modulo dei commenti

Aggiungi il codice seguente al tuo tema functions.php per personalizzare il testo dopo il modulo di commento. Sostituisci il testo con il tuo testo preferito.

funzione collectiveray_comment_text_after ($ arg) {$ arg ['comment_notes_after'] = " Apprezziamo i tuoi commenti costruttivi, ma ti preghiamo di commentare responsabilmente. Trolling, molestie o comportamenti altrimenti offensivi non saranno tollerati e se necessario verranno intraprese ulteriori azioni. "; return $ arg;} add_filter ('comment_form_defaults', 'collectiveray_comment_text_after');

L'esempio sopra sarà simile a questo:

linee guida per il testo dei commenti personalizzati

48. Identifica i tag inutilizzati

Se hai eliminato manualmente i post utilizzando query SQL, i tag che hai utilizzato su quei post rimarranno nel tuo database e non verranno utilizzati.

Per identificare tutti i tag inutilizzati, eseguire la seguente query SQL:

SELEZIONA * DA wp_terms wterms INNER JOIN wp_term_taxonomy wttax ON wterms.term_id = wttax.term_id WHERE wttax.taxonomy = 'post_tag' AND wttax.count = 0;

NOTA:  se utilizzi un prefisso di database diverso per il tuo sito WordPress (il valore predefinito è wp_), assicurati di modificare lo snippet di codice sopra di conseguenza (in particolare il file wp_terms e wp_term_taxonomy termini).

L'esecuzione della query precedente restituirà un elenco di tutti i tag inutilizzati. Puoi quindi eliminarli in modo sicuro dalla dashboard di WordPress.

49. Rimuovere la Guida e le opzioni dello schermo dal dashboard

Questo suggerimento per WordPress pulisce la dashboard dell'amministratore da inutili disordine. Puoi vedere le opzioni "aiuto" e "schermo" nella parte in alto a destra della dashboard di WordPress.

rimuovere la dashboard della guida

Aggiungi i seguenti frammenti di codice al tuo tema functions.php file per rimuovere questi elementi dal dashboard.

add_filter ('contextual_help', 'wpse_25034_remove_dashboard_help_tab', 999, 3); add_filter ('screen_options_show_screen', 'wpse_25034_remove_help_tab'); funzione wpse_25034_remove_dashboard_help_tab ($ old_help, $ screen_id, $ screen) {if ('dashboard'! = $ screen-> base) return $ old_help; $ screen-> remove_help_tabs (); return $ old_help; } funzione wpse_25034_remove_help_tab ($ visible) {global $ current_screen; if ('dashboard' == $ current_screen-> base) restituisce false; ritorno $ visibile; }

 

Per mostrare i 5 post più popolari in base al conteggio dei commenti, inserisci le righe seguenti nel tuo tema sidebar.php file.

Se vuoi mostrare più o meno di 5, cambia semplicemente il valore 5 con un altro valore che preferisci nel file $ risultato linea.

Post popolari get_results ("SELECT comment_count, ID, post_title FROM $ wpdb-> posts ORDER BY comment_count DESC LIMIT 3, 3"); foreach ($ risultato come $ post) {setup_postdata ($ post); $ postid = $ post-> ID; $ titolo = $ post-> post_title; $ commentcount = $ post-> comment_count; if ($ commentcount! = 0) {?> { }

51. Aggiungi breadcrumb al tuo tema

Molti temi hanno breadcrumb incorporati, ma se ne stai usando uno che non ne ha uno, è facile da implementare.

Installare il plugin breadcrumb NavXT. Dopo averlo installato e attivato, avrai un nuovo widget chiamato Breadcrumb NavXT che puoi utilizzare per visualizzare i tuoi breadcrumb ovunque tu metta quel widget.

Se vuoi un maggiore controllo su dove vuoi che appaiano i tuoi breadcrumb, puoi aggiungere il seguente frammento di codice al modello del tuo tema in cui desideri che vengano visualizzati i breadcrumb (ad esempio single.php, archives.php, ecc.).


Puoi personalizzare lo stile e l'aspetto del tuo breadcrumb andando su Impostazioni breadcrumb NavXT.

52. Personalizza la tua barra laterale per i singoli post

Se desideri visualizzare una barra laterale personalizzata per singoli post o pagine, puoi utilizzare questo plugin chiamato Sidebars personalizzati.

Questo plugin ti consente di visualizzare non solo una barra laterale personalizzata ma anche widget che dovrebbero apparire solo su determinate aree del tuo sito WordPress (come, ad esempio, a piè di pagina o intestazione).

Dopo aver installato e attivato il plug-in, otterrai un nuovo widget nell'editor dei post che ti consente di scegliere quali widget o barre laterali specifici desideri vengano visualizzati in una determinata posizione per post o pagina.

post individuale della barra laterale personalizzata

Come puoi vedere dall'immagine sopra, puoi, ad esempio, visualizzare anche la barra laterale sinistra a piè di pagina. Con alcune modifiche creative puoi creare molta flessibilità.

53. Link a link esterni dai titoli dei tuoi post

Di solito, i titoli dei post del blog nella home page sono collegati all'URL del post.

Tuttavia, se l'unico scopo della pubblicazione di un particolare post del blog è condividere un particolare collegamento esterno, potresti non voler invogliare gli utenti ad aprire il tuo post. Invece, gli utenti possono visitare il collegamento esterno semplicemente facendo clic sul titolo del post del blog dalla home page stessa. Aggiungi il codice seguente al tuo tema functions.php file.

funzione print_post_title () {global $ post; $ thePostID = $ post-> ID; $ post_id = get_post ($ thePostID); $ titolo = $ post_id-> post_title; $ perm = get_permalink ($ post_id); $ post_keys = array (); $ post_val = array (); $ post_keys = get_post_custom_keys ($ thePostID); if (! empty ($ post_keys)) {foreach ($ post_keys as $ pkey) {if ($ pkey == 'external_url_title') {$ post_val = get_post_custom_values ​​($ pkey); }} if (vuoto ($ post_val)) {$ link = $ perm; } altro {$ link = $ post_val [0]; }} altro {$ link = $ perm; } eco ' '. $ titolo. ' '; }

Successivamente, trova il seguente frammento di codice, che di solito si trova in content.phparchive.phpcategory.php e altri file modello. Tieni presente che il tuo tema potrebbe non utilizzare esattamente lo stesso frammento, ma finché è chiuso, dovrebbe essere così. Un indicatore è la presenza di "il titolo()" funzione.

", esc_url (get_permalink ()))," '); ?>

Sostituiscilo con:


Ora hai finito con la parte di codice. Successivamente, nel post in cui desideri un collegamento esterno al titolo, dovrai utilizzare un campo personalizzato.

Nel nome, usa 'external_url_title'e quindi inserisci il tuo link esterno nel valore.

link al titolo del post esterno

I campi personalizzati potrebbero non essere abilitati per impostazione predefinita, quindi potrebbe essere necessario abilitarli prima.

Se utilizzi l'editor di post classico, fai clic su Opzioni della schermata nell'angolo in alto a destra della pagina e poi trova Campi personalizzati e spuntalo per abilitarlo.

Se utilizzi Gutenberg, fai clic sul triplo punto accanto all'icona a forma di ingranaggio nell'angolo in alto a destra della pagina, quindi fai clic su Opzioni nel menu a discesa, quindi sotto Pannelli avanzati, spuntare Campi personalizzati.

Ci sono altre modifiche che puoi apportare ai titoli e agli slogan del sito per scopi SEO, puoi trovare maggiori dettagli qui.

Quasi tutti i temi oggi sono dotati di supporto per le immagini in primo piano pronto all'uso.

Ma se stai creando un tema personalizzato o se hai un tema che non ha questa funzione, puoi abilitarlo facilmente aggiungendo il seguente frammento di codice al suo functions.php file:

add_theme_support ( 'post-miniature');

Ora il tuo tema dovrebbe avere l'immagine in primo piano abilitata.

55. CSS personalizzato per singoli post

Se vuoi essere in grado di aggiungere CSS personalizzati per i singoli post, aggiungi il seguente frammento di codice nel file header.php del tuo tema appena prima della chiusura  etichetta:

ID, "customstyle", true); if (! empty ($ customstyle)) {?>    
                
            

Per aggiungere uno stile personalizzato a un singolo post, aggiungi semplicemente un campo personalizzato con il nome stile personalizzato e quindi aggiungi il tuo codice CSS nel valore.

singolo post css

56. Crea ruoli utente personalizzati

WordPress fornisce i seguenti ruoli utente per impostazione predefinita: amministratore, editore, autore, collaboratore e abbonato.

Tuttavia, a volte, potrebbe essere necessario assegnare alcuni ruoli utente personalizzati.

Per farlo, aggiungi le seguenti righe al tuo tema functions.php file.

È possibile modificare la disponibilità delle varie funzionalità impostando l'impostazione appropriata su true o false.

Puoi anche cambiare il nome del ruolo personalizzato modificando il file mio_ruolo_personalizzato e le stringhe del mio ruolo personalizzato in base alle tue preferenze (il primo, con trattini bassi, è il nome del ruolo e il secondo è il nome visualizzato, che verrà mostrato nella dashboard di WordPress).

add_role ('my_custom_role', __ ('My Custom Role'), array ('read' => true, // true consente questa capacità 'edit_posts' => false, // permette all'utente di modificare i propri post 'edit_pages' = > true, // consente all'utente di modificare le pagine 'edit_others_posts' => false, // consente all'utente di modificare i post di altri non solo il proprio 'create_posts' => false, // consente all'utente di creare nuovi post 'manage_categories' => false , // consente all'utente di gestire le categorie di post 'publish_posts' => false, // consente all'utente di pubblicare, altrimenti i post rimangono in modalità bozza 'edit_themes' => false, // false nega questa funzionalità, l'utente non può modificare il tuo theme 'install_plugins' => false, // l'utente non può aggiungere nuovi plug-in 'update_plugin' => false, // l'utente non può aggiornare alcun plug-in 'update_core' => false // l'utente non può eseguire gli aggiornamenti di base)) ;

57. Disabilita la barra di amministrazione tranne che per gli amministratori

Se desideri disabilitare l'accesso alla barra di amministrazione per tutti gli altri utenti tranne admin, aggiungi il seguente frammento al file functions.php del tuo tema per disabilitare l'accesso agli utenti non amministratori:

add_action ('after_setup_theme', 'remove_admin_bar'); funzione remove_admin_bar () {if (! current_user_can ('administrator') &&! is_admin ()) {show_admin_bar (false); }}

Ora, tutti gli utenti registrati ad eccezione degli amministratori non vedranno la barra di amministrazione durante la visualizzazione del front-end anche quando hanno effettuato l'accesso.

58. Aggiungi la biografia dell'autore ovunque tu voglia

Aggiungi semplicemente le seguenti righe al tuo tema single.php file per mostrare la biografia dell'autore nella posizione preferita.

post_author; ?> 

Usa il seguente CSS per definire lo stile della biografia dell'autore:

.author-box {background-color: #fff; imbottitura: 20px; margine: 0 0 40px; display: blocco in linea; larghezza: eredita; } .author-box .author-img {float: left; margin-right: 20px; margine inferiore: 20 px; } .author-box .author-img img {border-radius: 50%; } .author-box .author-name {font-weight: bold; chiaro: nessuno; display: in linea; }

59. Sostituisci il messaggio "Howdy" dal dashboard

Se desideri sostituire il messaggio "Howdy" dalla dashboard, aggiungi il seguente frammento di codice al tuo tema function.php:

funzione replace_howdy ($ wp_admin_bar) {$ avatar = get_avatar (get_current_user_id (), 16); if (! $ wp_admin_bar-> get_node ('my-account')) return; $ wp_admin_bar-> add_node (array ('id' => 'my-account', 'title' => sprintf ('Accesso eseguito come:% s', wp_get_current_user () -> display_name). $ avatar,)); } add_action ('admin_bar_menu', 'replace_howdy');

Ora, il messaggio sarà "Accesso effettuato come".

 

60. Rendi necessaria l'immagine in primo piano per la pubblicazione di un post sul blog

Se desideri che tutti i post abbiano un'immagine in primo piano, puoi applicarla in modo tale che nessuno possa pubblicare un post a meno che non abbia un'immagine in primo piano.

Installa semplicemente il plugin chiamato Richiedi immagine in primo piano e ora tutti i post (per impostazione predefinita) ora richiedono un'immagine in primo piano prima di poterli pubblicare.

immagine caratteristica richiesta

Il plug-in funziona sia sull'editor classico che su quello di Gutenberg e può anche controllare i post personalizzati: devi solo abilitare il controllo nelle impostazioni del plug-in tramite Impostazioni > Richiedi immagine in primo piano.

61. Aggiungi casella di conferma durante la pubblicazione di pagine e post

Nel nuovo editor Gutenberg, devi fare clic due volte sul pulsante Pubblica per pubblicare il tuo post.

Ciò ti assicura di non pubblicare accidentalmente un post incompleto. Nell'editor classico, tuttavia, non esiste nulla di simile. Una volta premuto il pulsante di pubblicazione, il tuo post viene pubblicato, indipendentemente dal fatto che sia pronto o meno.

Tuttavia, c'è un semplice trucco per impedirti di pubblicare accidentalmente i tuoi post quando utilizzi l'editor classico. Tutto quello che devi fare è aggiungere il seguente frammento di codice al tuo tema functions.php file:

add_action ('admin_print_footer_scripts', 'publish_confirm'); funzione publish_confirm () {echo "
    jQuery(document).ready(function($){
    $('#publishing-action input[name=\"publish\"]').click(function() {
    if(confirm('Are you sure you want to publish this?')) {
    return true;
    } else {
    $('#publishing-action .spinner').hide();
    $('#publishing-action img').hide();
    $(this).removeClass('button-primary-disabled');
    return false;
    }
    });
    });
    ";}

D'ora in poi, quando fai clic sul pulsante Pubblica, verrà visualizzata una finestra di conferma che ti chiederà se desideri davvero pubblicare il post o la pagina.

62. Reindirizzamento alla pagina personalizzata dopo la registrazione

Se desideri reindirizzare gli utenti a una pagina personalizzata dopo la registrazione al tuo sito web, puoi utilizzare il seguente frammento di codice (aggiungilo al tuo tema functions.php file):

funzione __my_registration_redirect () {return home_url ('/ custom-page'); } add_filter ('registration_redirect', '__my_registration_redirect');

Dove pagina personalizzata è l'URL della tua pagina personalizzata.

63. Aggiungere le informazioni sul profilo social nella pagina del profilo utente

Alcuni anni fa, gli utenti potevano aggiungere le loro informazioni di contatto AIM, Yahoo IM, Jabber / Google Talk nella loro pagina del profilo in precedenza, ma WordPress lo ha rimosso perché la maggior parte di questi sono vecchi e obsoleti.

Oggi, per impostazione predefinita, un utente o un autore può solo aggiungere la propria email e il proprio sito web nella sezione Informazioni di contatto.

Informazioni di contatto

Con questo trucco di WordPress, puoi facilmente aggiungere ulteriori campi di contatto qui come Facebook, Twitter, ecc. Per farlo, aggiungi il seguente frammento di codice al tuo tema functions.php file:

function my_new_contactmethods ($ contactmethods) {// Aggiungi Twitter $ contactmethods ['twitter'] = 'Twitter'; // Aggiungi Facebook $ contactmethods ['facebook'] = 'Facebook'; return $ contactmethods; } add_filter ('user_contactmethods', 'my_new_contactmethods', 10, 1);

Lo snippet di codice sopra aggiungerà campi per Twitter e Facebook. Puoi aggiungere anche altri social network, se necessario, utilizzando il formato:

$ contactmethods ['new_contact_name'] = 'Etichetta campo';

nuovo_nome_contatto è il tuo nuovo identificatore delle informazioni di contatto (che è anche quello che dovrai chiamare quando devi visualizzarlo sul tuo frontend) mentre il Etichetta di campo è ciò che verrà visualizzato nella dashboard di WordPress come etichetta per il nuovo elemento delle informazioni di contatto.

Per visualizzare queste nuove informazioni di contatto, devi aggiungere questo frammento di codice al tuo tema autore.php file:


Quanto sopra restituirà le informazioni di contatto di Twitter dell'utente. Puoi fare lo stesso per tutti gli altri campi che aggiungi.

64. Elenca tutti gli autori del tuo blog in una pagina

Per elencare tutti gli autori di una pagina, useremo il file functions.php, per aggiungere un nuovo shortcode. Aggiungi lo snippet di seguito al file functions.php del tuo tema:

funzione collect_ray_list_authors () {$ autori = get_users (array ('orderby' => 'post_count', 'order' => 'DESC', 'count_total' => 'false', 'role__in' => ['author']) ); $ output = ''; if ($ autori): $ output. = ' '; foreach ($ autori come $ autore): $ autore_id = $ autore-> ID; $ user_archive_url = get_author_posts_url ($ author_id); $ user_posts_count = count_user_posts ($ author_id); $ user_avatar = get_avatar (get_the_author_meta ('user_email', $ author_id)); $ user_display_name = get_the_author_meta ('display_name', $ author_id); $ user_bio = get_the_author_meta ('descrizione', $ id_autore); $ output. = ' '; $ output. = ' '. $ user_avatar. ' '; $ output. = ' '. $ user_display_name. ' '; $ output. = ' '. $ user_bio. ' '; $ output. = ' '. "Visualizza tutti i post di". $ user_display_name. '('. $ user_posts_count. ') '; $ output. = ' '; endforeach; $ output. = ' '; finisci se; restituire $ output; } add_shortcode ('author_list', 'collective_ray_list_authors');

Successivamente, aggiungi il seguente codice CSS al tuo tema CSS aggiuntivo:

.author-box {background-color: #fff; imbottitura: 20px; margine: 0 0 40px; larghezza: eredita; } .author-box .author-img {float: left; margin-right: 20px; margine inferiore: 20 px; } .author-box .author-img img {border-radius: 50%; } .author-box .author-name {font-weight: bold; chiaro: nessuno; display: in linea; } .author-box a {text-decoration: none; }

Ora puoi usare lo shortcode [lista_autori] per visualizzare tutti gli autori su un post o una pagina di tua scelta.

65. Aggiungi autore ospite a WordPress senza registrazione

La maggior parte degli autori ospiti sono editori una volta, soprattutto se stai prendendo post degli ospiti sul tuo sito. Quindi non ha senso creare un profilo separato per loro. Ma allora, come visualizzi le informazioni dell'autore ospite?

Semplice, c'è un plugin chiamato (Semplicemente) Nome dell'autore ospite che ti consente di aggiungere un autore ospite in base al post. Puoi persino aggiungere un collegamento alla home page dell'autore ospite o al profilo dei social media o in qualsiasi altro luogo.

Dopo aver installato il plugin, ci sarà un nuovo campo in fondo ai tuoi post che ti permetterà di inserire le informazioni di un autore ospite.

autore ospite nessuna registrazione

Basta compilare questo e queste informazioni verranno visualizzate nei metadati dell'autore del post corrente.

66. Inserisci il codice di Google Analytics

Nel corso della giornata, era necessario utilizzare un plug-in di terze parti o aggiungere manualmente snippet di codice all'intestazione del tuo sito web. Oggi esiste un plug-in ufficiale degli stessi Google chiamato Site Kit di Google.

Ciò ti consentirà di collegare il tuo sito web a Google e di attivare automaticamente Google Analytics per il tuo sito.

Installa semplicemente il plug-in e segui le istruzioni sullo schermo. Dopo averlo configurato, puoi quindi collegare il tuo sito a Google Analytics andando su Kit del sito Analisi e quindi configurarlo.

kit sito google

67. Configurazione dei test A / B utilizzando Google Optimize

Dopo aver configurato Google Analytics sul tuo sito utilizzando il Site Kit di Google plug-in, ora sarai in grado di eseguire il test A / B andando su Impostazioni Connetti più servizi Ottimizzazione installazione.

Test AB

Ciò ti consentirà di collegare il tuo account Google Optimize al tuo sito Web che ti consentirà di condurre facilmente test A / B. Nota: potrebbe essere necessario impostare l'ID Optimize del tuo account Google prima di procedere.

Dopo aver configurato Optimize e averlo collegato al tuo sito web tramite Site Kit, vai a https://optimize.google.com/ e crea la tua esperienza e pubblicala una volta che hai finito.

68. Monitoraggio dei download di file utilizzando Google Analytics e Google Tag Manager

Per monitorare i download di file utilizzando Google Analytics, configura Gestione tag in Site Kit di Google. Per farlo, vai su Kit del sito  > Impostazioni Connetti più servizi scheda e quindi imposta il gestore dei tag.

configurazione del gestore di tag

Questo ti chiederà di connettere il tuo account Google Tag Manager al tuo sito web tramite Site Kit.

Dopo averlo configurato e connesso al tuo sito, vai a https://tagmanager.google.com/. Seleziona il contenitore che hai collegato al tuo sito WordPress (assicurati che l'ID del contenitore corrisponda).

Quindi, sul lato sinistro della pagina, fare clic su tag e quindi fare clic Nuovi.

creazione di nuovi tag

Assegnagli un nome come preferisci, ma per questo esempio lo chiameremo "Monitoraggio download".

configurazione dei tag

Successivamente, fare clic sul Configurazione tag casella e nel menu che appare, fare clic su Google Analytics: Universal Analytics.

configurazione dei tag

Quindi, segui le impostazioni di seguito:

  • Tipo di traccia: Evento
  • Categoria: Download del documento (digitalo - nota che può essere quello che vuoi)
  • Azione:
    • Fare clic sul pulsante con un + all'interno di un'icona simile a una batteria.
    • Questo aprirà una finestra scorrevole che ti chiederà di scegliere una variabile.
    • Fai clic su "Built-in".
    • Trova e seleziona Fare clic su URL.
  • Etichetta:
    • Fare clic sul pulsante con un + all'interno di un'icona simile a una batteria.
    • Questo aprirà una finestra scorrevole che ti chiederà di scegliere una variabile.
    • Trova e seleziona Percorso pagina.
  • Impostazioni di Google Analytics:
    • Clicca Nuova variabile
    • Nella finestra di configurazione della variabile, inserisci il tuo ID di monitoraggio nel campo ID di monitoraggio.
    • Risparmi

Lascia tutte le altre impostazioni predefinite.

Successivamente, fare clic sul Attivazione la zona. Nel Scegli il grilletto schermata che apparirà, fare clic su pulsante nell'area in alto a destra.

Clicca su Configurazione trigger area e ti verrà chiesto di scegliere un tipo di trigger. Selezionare Solo collegamenti nella sezione Clic. Quindi scegli Alcuni clic sui collegamenti per Questo trigger si attiva. Segui le impostazioni di seguito:

configurazione del trigger

Ecco l'espressione regex che abbiamo usato:

\. (pdf | xlsx | png | docx) $

Ciò ti consentirà di tenere traccia dei download di qualsiasi file con estensioni pdf, xlsx, png e docx.

Salva il trigger (ti verrà chiesto di nominarlo se non lo hai già fatto - chiamalo come preferisci - ma per questo esempio, l'abbiamo chiamato "Track Downloads").

La tua schermata finale dovrebbe ora assomigliare a questa:

configurazione finale

Ora sei pronto per Risparmi e il gioco è fatto!

69. Nascondi annunci per singoli post

Se stai visualizzando annunci pubblicitari su ogni post del blog e desideri nascondere gli annunci per un determinato post, aggiungi il seguente frammento di codice al tuo single.php file. Assicurati di sostituire xx con l'ID del post e di inserire il codice dell'annuncio nello snippet di codice riportato di seguito.

if (get_the_ID ()! = xx) {Your ad code here}

 

70. Avvolgi gli annunci nel post ovunque tu voglia

A volte, vuoi decidere dove visualizzare i tuoi annunci manualmente, tramite uno shortcode. Non hai bisogno di un plugin per farlo. Ecco come:

Nel tuo tema functions.php file, aggiungi il seguente frammento di codice. Inoltre, assicurati di inserire i codici degli annunci al suo interno. Sostituire IL TUO CODICE PUBBLICITARIO VA QUI con il tuo snippet di codice AdSense.

funzione display_adsense () {ob_start (); ?> IL TUO CODICE PUBBLICITARIO VA QUI

Ora, tutto ciò che devi fare è inserire lo shortcode [col_ray_adsense] all'interno dei tuoi post o pagine e i tuoi annunci verranno visualizzati nella sua posizione esatta.

71. Esporta indirizzi e-mail dai commenti inviati dall'utente

Esegui la seguente query SQL sul tuo database per esportare tutti gli indirizzi e-mail inviati dagli utenti senza duplicati. Questo può essere utile per creare la tua mailing list.

SELEZIONA DISTINCT comment_author_email FROM wp_comments;

A seguito dell'implementazione del GDPR, questo deve essere specificato e accettato esclusivamente come parte della tua politica sulla privacy. In questo modo, devi anche fare doppio opt-in per gli utenti aggiunti alla tua mailing list.

72. Blocca indirizzo IP specifico

Aggiungi le seguenti linee al .htaccess file per negare l'accesso al tuo sito a determinati indirizzi IP. 

Ordina Consenti, Nega Consenti da tutti Nega da xxx.xxx.xxx.xxx

Puoi cambiare xxx in vari modelli per bloccare uno, diversi, interi intervalli di IP o qualsiasi altra cosa di cui potresti aver bisogno. Scopri di più su come farlo qui: https://htaccessbook.com/block-ip-address/

Se vuoi evitare di visualizzare pagine nei risultati di ricerca, aggiungi il seguente frammento di codice al tuo tema functions.php file.

funzione modify_search_filter ($ query) {if ($ query-> is_search) {$ query-> set ('post_type', 'post'); } restituire $ query; } add_filter ('pre_get_posts', 'modify_search_filter');

74. Aggiungi contenuto promozionale nella home page sopra gli articoli

Per fare ciò, devi modificare il file index.php del tuo tema. Quindi trova il file e direttamente sotto di esso, puoi aggiungere il tuo contenuto promozionale come modulo di iscrizione alla newsletter, annunci e altri.

Nota che non tutti i temi usano lo stesso codice e la stessa struttura per produrre il loro file index.php. A volte potrebbe essere uno dei seguenti:

Ancora una volta, non tutti i temi li useranno, alcuni usano altre combinazioni, ma dovrebbero sempre essere nel file index.php file e sono sempre in alto.

75. Limitare l'accesso alla pagina di accesso per indirizzi IP specifici

Aggiungi quanto segue al tuo sito .htaccess file:

Order Deny, Allow Deny from all Consenti da xx.xx.xx.xx

Sostituisci xx.xx.xx.xx con il tuo indirizzo IP. Con questo, solo tu puoi accedere alla pagina di accesso.

76. Crea un backup manuale del tuo database

Accedi a phpMyAdmin, seleziona il database di WordPress di cui desideri eseguire il backup.

Vai alla scheda Esporta e fai clic sul pulsante Vai nella parte inferiore della pagina. Quando il browser richiede di scaricare il backup, fare clic su Sì. Ora hai un backup del tuo database!

backup manuale di mysql

 

77. Ripristina il tuo database WordPress

Se hai creato un backup manuale del tuo sito secondo i trucchi precedenti, potresti aver bisogno di ripristinarlo.

Login phpMyAdmin, seleziona il tuo database WordPress, vai al Importare scheda, fare clic Scegli il file e seleziona il database che desideri ripristinare dal tuo disco rigido. Quindi fare clic su Go pulsante.

ripristinare il database

 

 

78. Utilizza la modalità SSL per l'accesso

Se hai un certificato SSL installato sul tuo server, puoi forzare l'installazione di WP a utilizzare la modalità SSL per l'accesso sicuro dell'utente.

Per questo, aggiungi il codice seguente a wp-config.php file.

define ('FORCE_SSL_ADMIN', true);

Per inciso, se vuoi evitare tutte le seccature associate all'ottenimento di un SSL da solo, il nostro host, InMotion, supporta effettivamente l'hosting SSL, tramite i loro account condivisi InMotion. Leggi la nostra recensione completa qui: https://www.collectiveray.com/inmotion-hosting-review.

79. Limita l'accesso alla cartella wp-includes

Aggiungendo questo al tuo file .htaccess file negherà tutti gli accessi ai file e alla directory wp-includes del tuo sito WordPress:

# Blocca file e cartelle wp-include RewriteEngine su RewriteBase / RewriteRule ^ wp-admin / includes / - [F, L] RewriteRule! ^ Wp-includes / - [S = 3] RewriteRule ^ wp-includes / [^ /] + \. Php $ - [F, L] RewriteRule ^ wp-includes / js / tinymce / langs /.+ \. Php - [F, L] RewriteRule ^ wp-includes / theme-compat / - [F, L]

80. Disabilitare la modifica del file modello

Qualsiasi utente WordPress con accesso come amministratore può modificare i modelli accedendo a Aspetto> Editor. Se hai più amministratori sul tuo sito, è una buona idea disabilitare questa funzione.

Puoi farlo aggiungendo la seguente riga di codice a wp-config.php:

define ('DISALLOW_FILE_EDIT', true);

 

81. Nascondi numero versione

Versioni specifiche di WordPress potrebbero presentare vulnerabilità che possono essere sfruttate. Se un hacker riesce a identificare quale versione di WordPress stai utilizzando, può utilizzare tali informazioni per ottenere il controllo del tuo sito Web attraverso tali vulnerabilità note.

Inserendo il codice sottostante nel tuo file functions.php nasconderai il numero di versione di WP, che sarà un'ulteriore protezione per il tuo sito.

remove_action ( 'wp_head', 'wp_generator');

82. Disabilita l'accesso a tipi di file specifici

Crea un nuovo .htaccess file, aggiungi il codice seguente e carica il file all'interno del file wp-content cartella.

# Disabilita l'accesso a tutti i tipi di file eccetto il seguente Ordine nega, consenti Nega da tutti Consenti a tutti

Ciò disabiliterà l'accesso a tutti i tipi di file tranne i file menzionati nel codice.

83. Vedere File modificati di recente

Se hai accesso SSH al tuo server, accedi ed esegui il comando seguente per vedere i file modificati di recente. Questo comando è utile soprattutto se sospetti un accesso vulnerabile al tuo server senza il tuo consenso.

Il comando seguente mostrerà le modifiche apportate negli ultimi 2 giorni nella directory specificata.

trova / home / yourdirectory / yoursite / -mtime -2 -ls

84. Reimpostare manualmente la password

Accedi a phpMyAdmin, seleziona il database del tuo sito web, vai alla scheda SQL e incolla il seguente comando nella casella di testo e fai clic sul pulsante Vai:

AGGIORNA `wp_users` SET` user_pass` = MD5 ("PASSWORD") WHERE `wp_users`.`user_login` =" ADMIN ";

reimpostare manualmente la password

Nota: assicurati di cambiare "ADMIN" con il tuo nome utente effettivo e "PASSWORD" con la tua password preferita. NON utilizzare PASSWORD come password effettiva perché il tuo sito web verrà violato.

85. Disattiva tutti i plugin anche se non sei in grado di accedere al dashboard

Spesso, potrebbe essere necessario disattivare tutti i plug-in per la risoluzione dei problemi.

Tuttavia, se per qualche sfortunato motivo non sei in grado di accedere alla tua dashboard, puoi disattivare tutti i plugin tramite FTP o CPanel, File Manager Access.

Una volta collegato al sito web wp-content / directory e cambia il nome della cartella da plugin a qualcos'altro, come wp-content-backup. Questo disattiverà / disabiliterà automaticamente tutti i tuoi plugin, permettendoti di accedere nuovamente alla tua dashboard se uno di questi plugin sta creando un problema.

86. Mostra tutti i plugin attivi

Per motivi di manutenzione, potresti voler ottenere l'elenco dei plugin attivi su una specifica installazione di WordPress.

Incolla il codice seguente in functions.php e inizierai a vedere un widget che mostra tutti i plugin attivi sulla tua dashboard.

add_action ('wp_dashboard_setup', 'wpse_54742_wp_dashboard_setup'); funzione wpse_54742_wp_dashboard_setup () {wp_add_dashboard_widget ('wpse_54742_active_site_plugins', __ ('Active Plugins'), 'wpse_54742_active_site_plugins'); } funzione wpse_54742_active_site_plugins () {$ the_plugs = get_option ('active_plugins'); eco ' '; foreach ($ the_plugs as $ key => $ value) {$ string = explode ('/', $ value); // Il nome della cartella verrà visualizzato echo ' ". $ stringa [0]." '; } eco ' '; }

87. Prevenire facilmente lo spam nei commenti

Invece di contrassegnare i commenti come spam ogni volta, puoi impedire agli spammer di pubblicare commenti sul tuo blog. Il codice seguente cercherà il referrer HTTP e bloccherà automaticamente il commento se il referrer non è valido.

Aggiungi il seguente codice nel tuo tema functions.php file:

funzione check_referrer () {if (! isset ($ _ SERVER ['HTTP_REFERER']) || $ _SERVER ['HTTP_REFERER'] == "") {wp_die (__ ('Per favore abilita i referrer nel tuo browser, o, se tu' sei uno spammer, smettila! ')); }} add_action ('check_comment_flood', 'check_referrer');

88. Rimuovere il timbro della data di pubblicazione dalla SERP

Se i tuoi contenuti non sono sensibili al tempo, assicurati di evitare di visualizzare i timbri di data di pubblicazione di WordPress su SERP, che aumenteranno il CTR dei tuoi post visualizzati su SERP.

Una volta collegato al sito web single.php file e trova qualcosa di simile:


Sostituiscilo con il seguente codice:

document.write("");

Alcuni temi non avranno lo stesso codice esatto e alcuni temi, come GeneratePress, ti consentono di rimuovere completamente le date aggiungendo un filtro, quindi se questo non funziona, puoi consultare lo sviluppatore del tuo tema per ulteriori informazioni.

89. Impedisci collegamento a immagini

Proteggere le tue immagini dall'hotlinking ti aiuterà a risparmiare molta larghezza di banda impedendo ad altri siti di visualizzare o addirittura incorporare le tue immagini sui propri siti.

Basta andare .htaccess file e aggiungi il codice seguente. Assicurati di sostituire la parte "nome-dominio-qui" con il nome del tuo dominio effettivo.

RewriteEngine su RewriteCond% {HTTP_REFERER}! ^ $ RewriteCond% {HTTP_REFERER}! ^ Http (s)?: // (www \.)? Nome-dominio-qui [NC] RewriteRule \. (Jpg | jpeg | png | gif) $ - [NC, F, L]

 

 

89. Disabilita l'HTML nei commenti

Gli spammer sono abituati a inviare tonnellate di link HTML nei commenti, il che può avere un impatto negativo nel portare traffico organico al tuo sito web. Puoi risolvere questo problema impedendo a tutto l'HTML dal commento, lasciando solo il testo.

Apri semplicemente functions.php e inserisci il seguente codice per disabilitare gli elementi HTML nei commenti.

// Ciò si verificherà quando il commento viene pubblicato

funzione plc_comment_post ($ incoming_comment) {

// converte tutto in un commento per visualizzarlo letteralmente

$ incoming_comment ['comment_content'] = htmlspecialchars ($ incoming_comment ['comment_content']);

// l'unica eccezione sono le virgolette singole, che non possono essere # 039; perché WordPress lo contrassegna come spam

$ incoming_comment ['comment_content'] = str_replace ("'",' '', $ incoming_comment ['comment_content']);

return ($ incoming_comment);

}

// Ciò si verificherà prima che venga visualizzato un commento

function plc_comment_display ($ comment_to_display) {

// Rimette le virgolette singole

$ comment_to_display = str_replace ('' ', "'", $ comment_to_display);

return $ comment_to_display;

E chi altro oltre ai motori di ricerca è importante per i nostri siti web? Ovviamente i social network! Ecco i trucchi per i social network di WordPress.

Ovviamente, il tuo blog non sarebbe nulla se non fosse social oggi: ecco alcuni altri trucchi e modifiche per WordPress suggerimenti per socializzare il tuo blog.

 

90. Limita l'accesso ai bot

Impedendo ai bot abusivi di accedere al tuo sito web, puoi rafforzare la sicurezza del tuo blog WordPress. Copia il codice seguente in .htaccess file.

SetEnvIfNoCase User-Agent ^ $ keep_out SetEnvIfNoCase User-Agent (pycurl | casper | cmsworldmap | diavol | dotbot) keep_out SetEnvIfNoCase User-Agent (flicky | ia_archiver | jakarta | kmccrew) keep_out SetEnvIf-AgentNowoCase piano utente keep_out Ordina Consenti, Nega Consenti da tutti Nega da env = keep_out

91. Disabilita i self pingback

Se hai abilitato i pingback sul tuo sito, ogni volta che ti colleghi ai tuoi post, creerai un pingback. Puoi disabilitarlo tramite il seguente frammento di codice.

Aggiungi il codice seguente al tuo file functions.php file per disabilitare i pingback automatici.

funzione disable_self_trackback (& ​​$ links) {foreach ($ links as $ l => $ link) if (0 === strpos ($ link, get_option ('home'))) unset ($ links [$ l]); } add_action ('pre_ping', 'disable_self_trackback');

92. Reindirizza il traffico da non www a www

Puoi facilmente reindirizzare 301 tutto il traffico dalla versione non www alla versione www aggiungendo il seguente codice al file .htaccess file:

RewriteEngine su RewriteCond% {HTTP_HOST} ^ yourwebsite \ .com RewriteRule ^ (. *) $ Https://www.yourwebsite.com/$1 [R = 301, L]

Non dimenticare di sostituire "tuositoweb.com"Con il tuo nome di dominio.

93. Mostra il numero di risultati di ricerca trovati

Visualizza il numero di risultati di ricerca trovati nella pagina dei risultati di ricerca di WordPress aggiungendo la seguente riga di codice a quella del tuo tema search.php file.

Risultato della ricerca per  post_count; _e (''); _e (' '); echo $ chiave; _e (' '); _e ('-'); echo $ count. ''; _e ("articoli"); wp_reset_query (); ?>

Quando un utente esegue una ricerca sul tuo sito, a volte potresti non voler mostrare i risultati della ricerca da una particolare categoria che contiene contenuti promozionali, elementi del portfolio, ecc. Aggiungi semplicemente il seguente codice al file functions.php per escludere categorie specifiche dalla ricerca.

funzione exclude_category_from_search ($ query) {if ($ query-> is_search) {$ query-> set ('cat', '-24, -45, -52'); } restituire $ query; } add_filter ('pre_get_posts', 'exclude_category_from_search');

La parte importante qui è questa riga:

$ query-> set ('cat', '-24, -45, -52');

Questo dice a WordPress quali categorie vogliamo escludere dalla ricerca tramite i loro ID. In questo esempio, escludiamo le categorie con ID 24, 45 e 52. Devi sostituirle con gli ID categoria di quelle che desideri escludere (nota: il segno meno [-] deve essere incluso!).

 

95. Elimina tutti i pingback

Esegui il seguente comando SQL tramite phpMyAdmin sul tuo database per eliminare tutti i pingback ricevuti. Come al solito, questi suggerimenti di WordPress in cui eliminiamo elementi dal database possono causare danni irreparabili al tuo sito web.

Fai i backup!

ELIMINA DA wp_comments WHERE comment_type = 'pingback';

96. Disabilita l'HTML nei commenti

Gli spammer erano soliti inviare tonnellate di link HTML durante i commenti, il che può avere un impatto negativo nel portare traffico organico al tuo sito web. Apri semplicemente il file functions.php del tuo tema e inserisci il seguente codice per disabilitare gli elementi HTML nei commenti.

add_filter ('pre_comment_content', 'wp_specialchars');

 

97. Mostra tweet selettivi

tweet selettivi

Se utilizzi un account Twitter personale, potresti non voler mostrare tutti i tweet ai lettori del tuo blog. In questi casi, puoi mostrare solo tweet selettivi ai lettori del tuo blog con una determinata parola chiave o hashtag.

Vai a Twitter Widgets >> fai clic sul pulsante "crea nuovo" >> fai clic sulla scheda "cerca".

Nella casella della query di ricerca, inserisci from: dartcreations webdesign

Sostituisci le dartcreations con il tuo handle di Twitter e il web design con la tua query preferita. Salva il tuo widget e copialo nella sezione dei widget del tuo sito WordPress.

98. Reindirizza i feed ai feed FeedBurner

Aggiungi il seguente codice a .htaccess per trasformare i feed WP in feed FeedBurner.

RewriteEngine su RewriteCond% {HTTP_USER_AGENT}! FeedBurner [NC] RewriteCond% {HTTP_USER_AGENT}! FeedValidator [NC] RewriteRule ^ feed /? ([_ 0-9a-z -] +)? /? $ Https: //feeds.feedburner. com / yourfeed [R = 302, NC, L]

Assicurati di personalizzare il codice sopra con l'URL del tuo feed FeedBurner (https://feeds.feedburner.com/yourfeed - sostituiscilo con il tuo URL) prima di salvare.

99. Feed RSS specifici per categoria

È una buona idea offrire ai tuoi lettori di iscriversi a una particolare categoria del tuo blog, soprattutto se copri una vasta gamma di categorie sul tuo blog.

Basta aggiungere / alimentare alla fine dell'URL della categoria. Nota: funziona solo se hai permalink personalizzati abilitati!

100. Ritarda la pubblicazione nei feed RSS

Quando pubblichi un post sul blog, invierà immediatamente ai tuoi abbonati una notifica sul nuovo post tramite feed RSS. Puoi ritardare la pubblicazione nei feed RSS di un'ora. Questo può essere utile, ad esempio, se dimentichi di verificare la presenza di collegamenti interrotti o errori di battitura prima di pubblicare i tuoi post.

funzione Delay_RSS_After_Publish ($ where) {global $ wpdb; if (is_feed ()) {$ now = gmdate ('Ymd H: i: s'); $ wait = '60'; $ dispositivo = "MINUTE"; $ where. = "AND TIMESTAMPDIFF ($ device, $ wpdb-> posts.post_date_gmt, '$ now')> $ wait"; } restituire $ dove; } add_filter ('posts_where', 'Delay_RSS_After_Publish');

101. Aggiungi pulsanti di condivisione sui social media

I siti di social media sono molto popolari oggi. Centinaia di milioni di persone utilizzano quotidianamente diverse piattaforme di social media, quindi ha senso che i tuoi contenuti siano condivisibili tra di loro.

Uno dei migliori plugin per aggiungere pulsanti di condivisione sui social media è Conti condivisi. È un plugin semplice e leggero che ti consente di aggiungere:

  • Pulsante di condivisione di Facebook
  • Pulsante Pin di Pinterest
  • Pulsante Yummly
  • Pulsante Tweet di Twitter (utilizzando l'API Twitcount.com di terze parti)
  • Condivisione e-mail (con supporto reCAPTCHA per prevenire abusi)
  • Totale conteggio azioni
  • Pulsante di stampa
  • Pulsante di condivisione di LinkedIn

 

Avvolgere Up

Ovviamente, in questo articolo abbiamo incluso questi 101 suggerimenti per WordPress trucchi e modifiche perché riteniamo che queste siano alcune delle migliori ottimizzazioni per WordPress che puoi implementare rapidamente e facilmente senza dover assumere uno sviluppatore.

Queste sono piccole modifiche al codice che puoi ottenere rapidamente senza rischiare di rompere il tuo sito web o il tuo modello WordPress ;-)

Hai bisogno di aiuto per fare le cose? Prova questi concerti di prim'ordine su Fiverr! (a partire da $ 5)

logo fiverr 

Clicca qui per trovare esperti su WordPress.

Clicca qui per creare un sito Web WordPress completo.

   

L'autore
David Attard
Autore: David AttardSito web: https://www.linkedin.com/in/dattard/
David ha lavorato nel o intorno al settore online / digitale negli ultimi 18 anni. Ha una vasta esperienza nei settori del software e del web design utilizzando WordPress, Joomla e le nicchie che li circondano. In qualità di consulente digitale, il suo obiettivo è aiutare le aziende a ottenere un vantaggio competitivo utilizzando una combinazione del loro sito Web e delle piattaforme digitali disponibili oggi.

Un'altra cosa... Sapevi che anche le persone che condividono cose utili come questo post sembrano FANTASTICHE? ;-)
Fatti un favore: lasciare un utile commenta con i tuoi pensieri, quindi condividi questo articolo sui tuoi gruppi di Facebook che lo troverebbero utile e raccogliamo insieme i frutti. Grazie per la condivisione e per essere gentile!

Disclosure: Questa pagina può contenere collegamenti a siti esterni per prodotti che amiamo e consigliamo vivamente. Se acquisti prodotti che ti suggeriamo, potremmo guadagnare una commissione per segnalazione. Tali commissioni non influenzano le nostre raccomandazioni e non accettiamo pagamenti per recensioni positive.

Autore / i in primo piano su:  Inc Magazine Logo   Logo di Sitepoint   Logo CSS Tricks    logo webdesignerdepot   Logo WPMU DEV   e molti altri ...